Brunetta e le spese viaggio in Usa della Boschi

Brunetta e le spese viaggio in Usa della BoschiBrunetta contro la Boschi per le spese del viaggio in Usa.

Come noto, l’onorevole Brunetta prende sovente cantonate, più in nome di un antipatico, insopportabile senso della polemica che non di sensate posizioni politiche. Sovente l’uomo è smentito anche dal proprio partito, in forza di dichiarazioni e riflessioni giudicate non in linea con il moderatismo di Forza Italia.

Soprattutto Brunetta non capisce che Berlusconi l’accordo con Renzi ce l’ha ancora. E tuttavia insiste con le sue infinite, tediose polemiche, che stavolta arrivano fino a toccare i viaggi in America dei ministri. Come quello di Maria Elena Boschi, la quale risponde per le rime al capogruppo alla Camera di Forza Italia.

Brunetta aveva presentato una interrogazione a Renzi e al Ministro degli Esteri Gentiloni per chiedere chi avesse pagato le spese della Boschi e della Boldrini, ambedue alla Convention del Partito Democratico di Philadelphia.

Dice la Boschi: “La richiesta dell’onorevole Brunetta merita la massima attenzione in nome del principio della trasparenza. Per quello che mi riguarda, sono a Philadelphia a mie spese, pagando personalmente sia aereo che hotel”.

“Spero che il Presidente Brunetta si senta rasserenato da questa celere risposta e sono certa che non mancherà di applicare la stessa trasparenza sui fondi del gruppo che egli presiede, capitolo per capitolo”.

 

Eleonora Gitto

Giornalista e appassionata del web, condivide la passione della scrittura sia su cartaceo che online.