Cuore, a Stresa la tecnologia diagnostica del futuroCuore, a Stresa la tecnologia diagnostica del futuro.

A Stresa si è parlato di cardiologia in termini di moderna diagnostica in un interessante convegno, ma si è parlato anche di relative terapie, avendo una cura particolare per i pazienti della terza età, nonché di quella che è definita quarta età.

Il convegno è stato organizzato dalla nota Fondazione Iseni di Malpensa.

Il cardiologo Andrea Macchi osserva: “Fondamentale è la telemedicina applicata alla tecnologia di ultima generazione, cioè la Tac spirale multistrato, l’eco 3D e la possibilità di creare una banca dati per la ricerca scientifica”.

“Ma sono importanti anche altri due aspetti. La necessità di una stretta collaborazione fra management amministrativo e sanitario ma con il rispetto professionale di due ruoli che devono essere complementari ma non sovrapposti. E soprattutto una visione di una medicina che metta al centro il paziente che soffre, la sua storia, le sue paure, le sue necessità”.

A confrontarsi su queste tematiche ben 200 specialisti provenienti da tutta Italia e non solo. La consapevolezza che la telemedicina possa svolgere un ruolo importantissimo per il futuro è stato uno degli elementi portanti dell’idea di questo convegno. Il futuro diagnostico è a portata di mano.