D'Alema, voto ballottaggio: ho seguito le indicazioni PDMassimo D’Alema dice che alle elezioni amministrative ha votato le indicazioni del suo partito.

Questa la frase dopo che il leader del Pd è uscito dal seggio di Via Col di Lana a Roma: “Ho votato secondo le indicazioni del mio partito, come ho sempre fatto nella vita”.

Alla domanda se avesse votato con convinzione, la risposta è stata: “Ho votato come sempre nella mia vita, fin da quando ero piccolo. Le voci? E’ una montatura costruita un po’ dal giornale che è una sorta di house organ del…e da qualcuno all’interno del mio partito. Purtroppo siamo arrivati a questo livello”.

Quindi la smentita a posteriori della sua presunta posizione a favore di Virginia Raggi in luogo di quella a favore del candidato Pd Giachetti.

Certo che si tratta di una presa di posizione netta solo a voto avvenuto.

Non c’è dubbio che non solo non ci abbia messo convinzione nel voto, ma nemmeno si è peritato in qualche maniera di dare una mano, in qualsivoglia modo, al proprio compagno di partito Vicepresidente della Camera.

Il tutto con la solita spocchia che l’ha sempre contraddistinto, inclusa quell’aria infastidita e di superiorità che ostenta da sempre quando c’è qualcosa che non gli sta bene.