Lite fra Renzi e D’Alema dopo BallaròLite fra Renzi e D’Alema dopo le dichiarazioni di quest’ultimo a Ballarò.

Nel corso di un’intervista al famoso programma Tv, D’Alema aveva detto circa la Direzione Pd: “E’ una sala supporter del Premier. Renzi non può fare il segretario del Partito”.

E poi ancora: “Guerra a Renzi? E’ lui che la fa, io non lo conoscevo neanche. Dice tante cose, non sempre corrispondono a verità”.

Sul referendum poi D’Alema si è così espresso: “Non voterò secondo le indicazioni di partito, sulla Costituzione si vota secondo coscienza”.

E di rimando il Premier: “C’è chi mi considera un usurpatore e ancora non ha digerito di aver perso le primarie. Ma si chiama democrazia. A dicembre 2017 D’Alema o chi per lui potrà candidarsi a fare l’alternativa. Ma se avessero usato l’impegno che mettono contro di me per fare la legge contro il conflitto d’interessi, forse il centrosinistra sarebbe più forte”.

Insomma, il rottamatore da una parte e il rottamato che non si rassegna a questa condizione. Ma forse stavolta hanno ragione un po’ tutti e due.

O, se volete, torto tutti e due. Eppure c’è una cosa che li accomuna: la spocchia, la presunzione di essere sempre più intelligente degli altri.