Salvini, la Boldrini e le bambole gonfiabili

Salvini, la Boldrini e le bambole gonfiabiliSalvini, la Boldrini e le bambole gonfiabili.

Nel cuore del cuore della Padania, dove fra i Leghisti locali l’ignoranza allo stato brado certo non difetta, il mitico Matteo Salvini si è esibito nell’ennesimo insopportabile show.

Mentre sul palco veniva portata una bambola gonfiabile dai tratti discinti, il capo della Lega Nord, ha urlato: “C’è una sosia della Boldrini qui sul palco, non so se sia stata già esibita”. Molto simpatico.

Il Presidente della Camera, giustamente, reagisce in maniera netta: “Le donne non sono bambole e la lotta politica si fa con gli argomenti, per chi ne ha, non con le offese. Lascio a voi ogni commento”.

La Boldrini, che peraltro non ci ha mai entusiasmato per preparazione e competenza, stavolta ha perfettamente ragione.

Maria Elena Boschi dice: “E’ una squallida esibizione di sessismo, non giustificabile in nessun modo”.

E Il Ministro della Funzione Pubblica Marianna Madia, da parte sua: “Salvini ha meno cervello di una bambola gonfiabile, solidarietà a Laura Boldrini”.

Forse va preso qualche provvedimento serio nei confronti di questo Salvini.

Se si continua ad agire in questo modo, finiremo prima o poi per trattare le donne allo stesso modo di come le trattano gli Islamici. Gli stessi Islamici che Salvini aborrisce.

Eleonora Gitto

Giornalista e appassionata del web, condivide la passione della scrittura sia su cartaceo che online.