Silvio Berlusconi prepara il nuovo centrodestraSilvio Berlusconi prepara il nuovo centrodestra, pensando a una leadership alternativa a Salvini.

Forse stavolta Forza Italia finisce davvero. Anche perché al momento è troppo confusa, troppo disgregata, e la capacità unificatrice del suo leader naturale, Silvio Berlusconi, è indubbiamente venuta meno, sia a causa della malattia, sia a causa dell’età.

C’è un grosso problema di finanziamenti del partito, che è sempre più evidente. E i segnali si erano già visti quando Silvio ha deciso di vendere il Milan ai Cinesi.

C’è un problema di leadership, che non può essere certo incarnata da un energumeno come Brunetta, che tra l’altro è sempre vissuto politicamente senza mai essere stato eletto con le preferenze della gente.

Ma si fanno avanti, nei ruoli di grandi tessitori, l’immortale Gianni Letta e il Presidente della Camera Romani.

Rimane il resto della coperta da tessere, che diventa un po’ corta. In pole position potrebbe esserci Giovanni Toti, governatore della Puglia, detto “il bambacione” e prestato alla politica dal giornalismo. Ma certamente non è una figura che buca i televisori.

E poi c’è da mettere insieme le intemperanze della Lega con quelle dell’Area di Fitto, e forse il recupero dello stesso Gianfranco Fini. Ma non saranno operazioni facili.