Suprema Corte: 1500 euro di multa per il saluto fascistaCorte di Cassazione: il saluto fascista allo stadio costa una multa di 1500 euro.

Si tratta della decisione della Corte di Cassazione, la quale, in relazione al gesto compiuto da un gruppo di ultras in una partita giocata dalla nostra nazionale contro la Georgia nel 2008, ha inflitto agli ultras stessi questa sanzione.

Non è bastata la difesa dei tifosi, o presunti tali, per i quali il saluto fascista non è stato accompagnato da atti violenti o discriminatori.

Infatti, la Cassazione ha rilevato che la cosiddetta Legge Mancino del 1993 vieta l’ingresso ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive a chi mette in atto i comportamenti censurati dalla legge 654 del 1975, che punisce con la reclusione fino a un anno chi propala idee fondate sulla superiorità o l’odio razziale.

I giudici hanno ritenuto che questo fosse proprio un caso tipico di applicazione della legge Mancino.

Per l’integrazione del reato, non serve la violenza, è sufficiente la manifestazione del saluto, riferito per l’appunto all’ideologia fascista.

In primo grado gli ultras erano stati condannati a quattro mesi di reclusione e 150 euro di multa. Ora si è passati solo a 1500 euro.