Torino, disoccupato sale sui tetti e minaccia il suicidioSale sui tetti e minaccia il suicidio un disoccupato a Torino.

Prima si è cosparso di benzina, poi è salito su un tetto a sei metri di altezza. Si tratta di un uomo di 40 anni senza lavoro e a suo dire sommerso dai debiti, in preda alla disperazione.

Abita nella zona della stazione ferroviaria di Rebaudengo, e proprio da quelle parti ha deciso di dare sfogo alle sue velleità suicide. Il tutto è successo verso le 9 di questa mattina.

Dopo che l’uomo si è gettato il liquido addosso, è scattato l’allarme e subito sono intervenuti i Carabinieri e i Vigili del Fuoco per cercare di farlo ragionare.

Alla fine le forze dell’ordine l’hanno raggiunto con un’autoscala, convincendolo dopo un paio di ore a scendere volontariamente. Alcuni conoscenti hanno ammesso che solo lui sa perché ha deciso di fare una cosa simile.

Il quarantenne ha spiegato ai soccorritori di essere in preda alla disperazione perché disoccupato da qualche tempo e non più in grado di fare fronte a una montagna di debiti.

Pare che abbia anche una situazione familiare complicata. Ma, almeno per adesso, tutto è bene quel che finisce bene.