Come i big data stanno cambiando le abitudini degli utenti digitali

redazione

Oggi come oggi è sempre più difficile immaginare un mondo senza tecnologie digitali. Ma non solo un mondo, anche la sola e semplice quotidianità. Proprio perché tutto è digitalizzato, tutto è in un byte, per fare una metafora. Ed ogni atto del nostro vivere quotidiano passa attraverso dati, analisi, elaborazioni e produzioni di bytes, gigantesche quantità giorno dopo giorno. E nel 2019, a questo proposito, la rivoluzione digitale ha raggiunto il suo punto più alto, con l’aumento, a dismisura, del numero delle fonti di produzione dei dati digitali, grazie anche a tecnologie come l’IoT o l’Intelligenza Artificiale: si parla, per questo, di Big Data. Di cosa si tratta?

Grandi Dati, questa la traduzione parola per parola, in riferimento ad un patrimonio di dati e informazioni di grosso volume, di grande velocità e di ampia varietà. Si tratta, semplicemente, di grossi contenitori di dati, fondamentali per contribuire a processi decisionali e all’automazione di processi. Un dato, preso in sé e per sé ed isolato, non ha alcun valore. Ma una serie di dati su un determinato fenomeno, argomento o su una semplice attività, sono decisivi per chi, come le aziende, utilizza queste fonti per crescere ed aumentare il proprio bacino.  I Big Data, in una sola parola, oggi sono la quotidianità e sono un valore aggiunto, se analizzati in maniera opportuna, dopo un preventivo lavoro di data governance e di data qualità. Ed oggi si sente parlare, ancor più spesso, di big data analytics, in riferimento ad un processo di raccolta e analisi di big data per informazioni utili ad un business. L’Italia, in questo campo, è stata pioniera.

abitudini degli utenti digitali

Infatti, secondo i dati pubblicati dall’Osservatorio Big Data & Analytcs del Politecnico di Milano, nel 2019 il mercato Analytics ha raggiunto un valore di 1,7 miliardi di euro, in crescita del 23% rispetto allo scorso anno, oltre il doppio rispetto al 2015 (790 milioni), da cui è cresciuto con un tasso medio annuo del 21,3%. La maggior voce di spesa degli Analytics è rappresentata, per il 47%, dai software, suddivisi a loro volta in strumenti per la visualizzazione-analisi dei dati e soluzioni di integrazione, preparazione e governance. Il 20% degli investimenti, poi, è dedicato alle risorse infrastrutturali, sistemi per abilitare gli Analytics e fornire capacità di calcolo e storage ai sistemi aziendali, primo fra tutti il cloud. Un ulteriore 33% della spesa in analytics è destinato a servizi per la personalizzazione del software, l’integrazione con i sistemi aziendali e la consulenza per la riprogettazione dei processi. Chiaramente una strategia di big data analytics ha, alle sue spalle, un lavoro di preparazione, gestione e utilizzazione. Mission e vision, obiettivi e risultati, è tutta una questione di calcolo.

I Big Data sono utili, si diceva, a tutti i livelli. Un ottimo campione per un test è rappresentato dai casinò games e dalle abitudini degli utenti di farvi accesso: desktop o mobile? Domanda a cui è possibile rispondere analizzando, per l’appunto, i dati provenienti dai Big Data: emerge, così, con tutta chiarezza che gli utenti in Italia hanno scelto il mobile rispetto al desktop.  In 9 casi su 10, a chiarimento. Da uno studio settoriale sul segmento dei casinò online, per esempio, viene fuori che un colosso come Sisal, i cui milioni di visite sono quasi otto al mese, ha un rapporto Desktop/Mobile di 7.6 a 2.4. Tra i giochi di casinò “puri”, StarCasinò ha un rapporto Desktop/Mobile di 6.8 a 3.2. 888Casino.it presenta un rapporto quanto più simile a Snai, LeoVegas invece vede prevalere gli accessi via smartphone. Netbet invece ha un rapporto Desktop/Mobile di 6.5 a 3.5. Tra gli operatori, a maggioranza, stravince TIM. Una rivoluzione digitale che coi Big Data non ha più confini…

Next Post

Sergio Mattarella pone l’attenzione sulla piaga della disoccupazione

Lo dice la stessa Costituzione nel suo primo articolo: l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. L’importanza del lavoro viene quindi posta a fondamento dell’intera nazione, ma come è possibile conciliare tutto questo con la situazione attuale in ci versa il nostro paese, con milioni di persone senza lavoro […]
Sergio Mattarella pone l’attenzione sulla piaga della disoccupazione