Anemia: Un problema per chi viaggerà su Marte

Anemia Un problema per chi viaggera su Marte

Una lunga permanenza nello spazio non è positiva per il corpo umano.

Uno studio recente ha esaminato il disturbo dell’”anemia spaziale”: a gravità zero, i corpi degli astronauti distruggono i globuli rossi a una velocità anormale.

Questa è già una sfida quando gli astronauti torneranno sulla Terra, ma un problema ancora più complesso per coloro che un giorno atterreranno su Marte.

L’aspetto tecnico di un lungo viaggio spaziale verso Marte è di per sé una grande sfida, ma a volte dimentichiamo la dimensione umana del progetto: per arrivare sul Pianeta Rosso, e ancor di più per stabilirci definitivamente. 

Non tutti hanno le capacità fisiche e mentali per diventare astronauti, anche se si prevede che il numero di viaggiatori spaziali aumenterà notevolmente nei prossimi anni.

In questo caso non si parla di “Turismo spaziale” in orbita attorno alla Terra, ma di soggiorni molto lunghi nello spazio. 

Questo ha effetti duraturi sulla salute umana, come già si è visto negli equipaggi che hanno trascorso mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale: tutti soffrono di una strana forma di “anemia spaziale“. 

Un team di ricercatori dell’Università di Ottawa ha studiato i campioni di sangue di 14 astronauti sulla ISS per un periodo di sei mesi. Tutti, uomini e donne, hanno mostrato un calo del numero di globuli rossi.

In circostanze normali, un corpo umano distrugge e produce fino a due milioni di questi globuli al secondo“, afferma Futura.

Ma nello spazio, a gravità zero, la distruzione dei globuli rossi sale a tre milioni al secondo, creando un pericoloso squilibrio.

Si tratta di un aumento del 50 per cento. Il corpo umano può compensare in parte ciò aumentando la sua produzione, altrimenti le condizioni di salute si deteriorerebbero molto rapidamente. Ma questo non basta.

In territorio senza peso questo non è un vero problema. Ma una volta tornati sulla Terra e di nuovo confrontati con la gravità, gli astronauti ne subiscono le conseguenze e devono riabituarsi allo sforzo prolungato.

Gli effetti dell’anemia spaziale diminuiscono nel tempo, ma alcuni degli effetti collaterali sembrano durare a lungo dopo il ritorno sulla Terra: mentre i livelli di globuli rossi tornano alla normalità dopo tre o quattro mesi, i veterani spaziali li distruggono un anno dopo la loro partenza. per cento più veloce, anche se anche qui il corpo sembra compensare e riuscire a mantenere un livello normale.

Se un “semplice” soggiorno di sei mesi sulla ISS può avere tali conseguenze per la salute umana, un viaggio di mesi su Marte a cosa porterebbe?

Questo è un grosso problema per gli equipaggi umani, soprattutto perché arrivare sul Pianeta Rosso non equivale a tornare sulla Terra: non ci saranno cure mediche specializzate, e nemmeno cibo fresco per aiutarli a rigenerare il loro ciclo.

Fonte: BusinessAM