Cina: Continua la guerra alle criptovalute

redazione

Più di mille arresti mercoledì contro un network accusato di “attività fraudolente” legate alle criptovalute: Pechino intensifica le misure contro bitcoin, temendo che minacci la sua stabilità finanziaria e i suoi obiettivi ambientali. Questa mossa ha causato un crollo della valuta digitale.

Più di mille persone sono state arrestate in Cina mercoledì in una massiccia repressione di una rete accusata di “attività fraudolenta” relativa alle criptovalute, ha affermato il ministero della pubblica sicurezza.

Cina Continua la guerra alle criptovalute

Le 1.100 persone arrestate in tutto il Paese sono accusate di utilizzare criptovalute per “riciclare denaro” da truffe telefoniche e su Internet. Le criptovalute sono decisamente nell’occhio del ciclone nel paese asiatico.

Il 18 maggio, tre associazioni economiche vicine allo stato cinese hanno annunciato che le istituzioni finanziarie nel Medio Impero non sarebbero più state autorizzate a offrire servizi relativi alle criptovalute.

Il provvedimento, che ha solo rafforzato un divieto decretato nel 2013, ha subito fatto il giro di Internet. Il giorno successivo, il prezzo del bitcoin è crollato, scendendo a un certo punto a 30.000 dollari quando era ancora a 64.895 a metà aprile.

Next Post

Schiaffo a Macron: L'autore dovrà comparire davanti al giudice

Attualmente in carcere con l’amico Arthur C., Damien T. dovrà presentarsi giovedì davanti ad un giudice dopo aver ammesso di aver inferto il famoso “schiaffo” al presidente francese durante un viaggio. Anche la loro custodia, decisa per l’accusa di “violenza senza impedimento su persona in possesso di pubblica autorità“, è […]
Schiaffo a Macron autore dovra comparire davanti al giudice