Covid-19 e i rischi delle donne incinte non vaccinate

Covid-19 e i rischi delle donne incinte non vaccinate

Uno studio condotto dai ricercatori dell’Università della British Columbia in Canada ha confermato che le donne in gravidanza infette e non vaccinate contro il Covid-19 sono maggiormente a rischio associato alla malattia rispetto a quelle che hanno ricevuto il vaccino.

I risultati sul nuovo studio rivelano il pericolo della donne incinte non vaccinate

I risultati dello studio, pubblicati sul Journal of American Medical Association, mostrano “conseguenze più gravi nelle donne in gravidanza rispetto a quelle non gravide, con tassi di ospedalizzazione e ricovero in unità di terapia intensiva significativamente più elevati“, ha spiegato il autrice principale dello studio, la dott.ssa Deborah Money.

I ricercatori hanno calcolato che le donne incinte infette da Covid-19 avevano 2,65 volte più probabilità di richiedere il ricovero in ospedale e 5,46 volte più probabilità di essere ricoverate in terapia intensiva rispetto alle donne del gruppo di riferimento.

Hanno anche riscontrato tassi leggermente più elevati di nascite premature nelle donne infette da Covid-19 non vaccinate e che il rischio di parto prematuro è aumentato all’11% nelle donne in gravidanza infette, rispetto al 6,8% nelle donne in gravidanza che non hanno contratto il virus.

Non sono solo le donne ad ammalarsi. Ci sono effetti negativi per i bambini, perché la prematurità è associata a un numero complesso di problemi di salute per i bambini“, ha sottolineato la dott.ssa Deborah Money.

Alcuni fattori come l’età, la pressione alta, il diabete e l’essere nelle ultime fasi della gravidanza aumentano anche il rischio di complicanze nelle donne in gravidanza e infette, ha osservato.