Ecco perchè non trovi più delle app nel Google Play Store

Ecco perche non trovi piu delle app nel Google Play Store

Molte volte ci capita di ricordare delle app che successivamente andando a cercare nel Google Play Store non ritroviamo più, questo perchè le app Android vengono ritirate dal mercato per diversi motivi.

Uno tra i motivi più comuni per cui le app scompaiono dal Play Store sono gli sviluppatori che le rimuovono. Le ragioni di ciò possono variare dall’inutilità dell’applicazione a motivi personali.

Una ipotesi limite è quella della app del gioco Flappy Bird che è diventato così avvincente che lo sviluppatore si è sentito in colpa e l’ha ritirato da Play Store.

Secondo quanto riferito, il creatore Doug Nguyen ha guadagnato 50.000 dollari al giorno solo con gli annunci pubblicitari e, a suo dire, non riusciva a dormire la notte per il rimorso.

Ha ritirato l’applicazione, ha detto, perché è stata progettata per essere utilizzata per pochi minuti, cosa che poche persone hanno fatto.

Ma ci sono anche altri motivi per cui le applicazioni vengono rimosse da Play Store

Ogni app che hai sul telefono ha bisogno di un qualche tipo di permesso, ma alcune ne richiedono di più. Se utilizzi Android, le app ti chiederanno se stanno cercando l’accesso a qualcosa come una fotocamera, un microfono o contatti della rubrica.

Tutti questi requisiti possono essere completamente legittimi e, se l’applicazione è “valutata positivamente”, può essere accettata, ma secondo una logica ben precisa, ad esempio un’applicazione fotografica dovrebbe chiedere l’accesso alle foto e così via.

Alcuni, tuttavia, non sono del tutto onesti. Sono progettati per raccogliere i tuoi dati, registrare suoni, effettuare chiamate e altre attività invasive che non ti aspetteresti.

Sfortunatamente, alcuni malware prendono di mira gli utenti che accettano ciecamente queste autorizzazioni. Ecco perché Google ha rimosso un sacco di applicazioni perché stanno abusando delle autorizzazioni della piattaforma e chiedendo agli utenti troppe informazioni.

Se cerchi nel Google Play Store il termine “Mario”, rimarrai sorpreso da quante applicazioni non provengono da Nintendo: poche, se non nessuna, usano il marchio di un famoso idraulico con il permesso.

Tali violazioni di solito comportano l’uso di grafica o musica da un’altra applicazione, ma si spingono fino alla meccanica del gioco stesso, al nome del marchio o ai personaggi popolari.

È molto probabile che la maggior parte di queste applicazioni danneggi qualcuno. Tuttavia, come di solito accade (soprattutto nel caso di Nintendo), le aziende a un certo punto saranno coinvolte in sviluppatori che utilizzano la loro proprietà intellettuale senza un’esplicita autorizzazione.

Nella maggior parte dei casi, ciò termina con la rimozione dell’applicazione dallo store.

Un altro motivo per cui le app stanno scomparendo dal Play Store è la coercizione da parte delle agenzie governative. Le regole, ovviamente, variano da stato a stato: il governo degli Stati Uniti può, ad esempio, richiedere il ritiro di una domanda proveniente da qualsiasi parte del mondo.

Esempi di tali regolamenti includono il divieto di materiale per adulti in Cina, un divieto australiano sulle applicazioni di gioco d’azzardo e così via, come riporta il tportal.hr.

C’è poi Google Play Protect, un servizio che cerca di proteggere gli utenti dalle applicazioni dannose disponibili nel Google Play Store.

Prima di scaricare l’applicazione, Google Play Protect la scansionerà e verificherà se è pericolosa. Il servizio ti avviserà anche se hai installato applicazioni che violano le linee guida del software indesiderato di Google.

Esempi di tali violazioni includono la promessa di qualcosa che non verrà fornito, un tentativo di persuadere gli utenti a installare altre applicazioni, la raccolta e la trasmissione dei dati dell’utente all’insaputa dell’utente e così via.

Se Google Play Protection riconosce tale applicazione, la eliminerà dal Play Store. Questo sistema, anche se utile, non è affatto perfetto, il che significa che sarai comunque in grado di “catturare” malware su Android, se non presti attenzione a ciò che stai installando.

fonte@Atvbl.com