La stagione influenzale si mischia alla variante Omicron

La stagione influenzale si mischia alla variante Omicron

L’influenza è tornata in Europa questo inverno ad un ritmo più rapido del previsto dalle autorità mediche, dopo essere quasi scomparsa l’anno scorso, sollevando preoccupazioni per una “doppia pandemia” prolungata” come riferito in una nota della Reuters .

La quarantena, indossando una mascherina e il distanziamento sociale, diventato normale in Europa durante la pandemia di COVID-19, ha spazzato via l’influenza lo scorso inverno, sradicando temporaneamente un virus che uccide circa 650.000 persone all’anno in tutto il mondo, secondo i dati dell’UE.

Tuttavia, le cose sono cambiate questo inverno poiché i paesi adottano misure meno rigorose per combattere il COVID-19 grazie alle vaccinazioni.

I virus dell’influenza circolano in Europa da metà dicembre a un ritmo più rapido del previsto, secondo quanto riferito questo mese dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC).

A dicembre, il numero di casi di influenza nelle unità di terapia intensiva europee è salito costantemente a 43 nell’ultima settimana dell’anno, secondo l’ECDC e l’Organizzazione mondiale della sanità.

Il dato è ben al di sotto dei livelli pre-pandemia, dato che nello stesso periodo del 2018 si sono registrati oltre 400 casi di ATI.

Ma è un grande aumento rispetto allo scorso anno, quando c’è stato un solo caso di influenza in un reparto di terapia intensiva per tutto il mese di dicembre, mostrano i dati.

Il ritorno del virus potrebbe essere l’inizio di una stagione influenzale insolitamente lunga, che potrebbe durare fino all’estate, ha detto a Reuters il massimo esperto di influenza dell’ECDC Pasi Penttinen.

Se iniziamo a revocare tutte le misure di prevenzione, la grande preoccupazione che ho per l’influenza è che, poiché abbiamo avuto un periodo così lungo di libera circolazione del virus dell’influenza nella popolazione europea, forse ci allontaneremo dai normali schemi stagionali” ha riferito.

Penttinen ha spiegato che la rinuncia alle misure restrittive in primavera potrebbe prolungare il flusso dell’influenza ben oltre la normale fine della stagione europea a maggio.

Una “doppia pandemia” potrebbe esercitare un’indebita pressione sui sistemi sanitari già sovraccarichi, afferma l’ECDC.

Penttinen ha affermato che era troppo presto per fare una valutazione finale dei vaccini antinfluenzali, poiché erano necessari più pazienti malati. Ma i test di laboratorio mostrano che i vaccini disponibili quest’anno “non sono ottimali” per H3.

Ciò è in gran parte dovuto al fatto che il ceppo circolava molto poco o per niente quando i vaccini sono stati prodotti l’anno scorso, rendendo più difficile per i produttori di vaccini prevedere quale ceppo sarà dominante nella prossima stagione influenzale.

foto@MaxPixel