Matteo Renzi: niente spacchettamento del referendum
Matteo Renzi: niente spacchettamento del referendum

Matteo Renzi: niente spacchettamento del referendumPer Matteo Renzi non ci sarà nessun “spacchettamento” del referendum.

In un’intervista a Corriere.it, il premier parla del referendum costituzionale e della paventata possibilità di frazionarlo in più quesiti, in modo da renderlo più comprensibile e quindi votabile: “Lo spacchettamento del quesito referendario sulle riforme costituzionali non sta in piedi”.

“Non è possibile fare un referendum in questo modo, la stragrande maggioranza dei giuristi ha detto che l’ipotesi non è prospettabile”.

E, in effetti, le Camere hanno approvato un unico corpus referendario così com’è, ora non è possibile fare altrimenti.

Tuttavia su questa ipotesi dello spacchettamento lo stesso Renzi qualche giorno fa si era mostrato possibilista e ne aveva parlato con lo stesso Presidente Mattarella.

Dopo alcune verifiche fatte presso costituzionalisti di rango, evidentemente i due hanno preso atto che la strada non era percorribile.

Per cui si continuerà a parlare di un unico quesito referendario, con la data della votazione che sarà probabilmente i primi di novembre.

Questo ovviamente comporta che, sotto il profilo politico, rimane immutato anche l’impegno a dimettersi di Renzi nel caso in cui alla consultazione referendaria prevalgano i no.

Perciò i Dem, almeno la maggioranza, restano fermi sulla loro posizione di partenza

You May Also Like

Raggi, più bambini per ricordare la strage di San Lorenzo

Il Sindaco di Roma, Virginia Raggi, ricorda il bombardamento di San Lorenzo.…

Fondazione Rizzoli: arriva la nuova sede a Milano

La Fondazione Rizzoli presenta ufficialmente la nuova sede a Milano: “Si è…

Linea Bari-Nord: 23 morti, 50 feriti, un solo binario

Alle 11.30 di oggi, 12 luglio 2016, lo scontro pauroso sulla linea…