Omega-3 protezione cardiaca senza cancro alla prostata
Omega-3 protezione cardiaca senza cancro alla prostata

L’Omega-3 mostrerebbe protezione contro i decessi per malattie cardiache, senza rischio di cancro alla prostata.

I ricercatori dell’Intermountain Healthcare Heart Institute continuano a ricercare i potenziali benefici e rischi di questo popolare integratore, in particolare per quanto riguarda il rischio di cancro alla prostata e la salute del cuore.

Il team di ricerca di Intermountain ha presentato due nuovi studi sugli omega-3 alle sessioni scientifiche dell’American Heart Association a Filadelfia il 17 novembre 2019.

In uno studio, il team di ricerca di Intermountain ha identificato 87 pazienti che facevano parte del registro INSPIRE di Intermountain e avevano sviluppato il cancro alla prostata. Questi pazienti sono stati anche testati per i livelli plasmatici di acido docosaesaenoico (DHA) e acido eicosapentaenoico (EPA), che sono due acidi grassi omega-3 comuni.

Rispetto a un gruppo di controllo abbinato di 149 uomini, i ricercatori hanno scoperto che livelli più elevati di omega-3 non erano collegati a un elevato rischio di cancro alla prostata.

Viet T. Le, MPAS, PA, ricercatore e assistente medico dell’Intermountain Healthcare Heart Institute, ha dichiarato di aver intrapreso questo studio alla luce dei risultati di un articolo del Journal of National Cancer Institute del 2013 che suggeriva un possibile legame tra omega superiore 3 livelli plasmatici e lo sviluppo del cancro alla prostata, uno che è stato discusso dalla pubblicazione.

Se sto raccomandando omega-3 ai miei pazienti per salvare i loro cuori, voglio essere sicuro di non metterli a rischio di cancro alla prostata“, ha detto Le. “Il nostro studio non ha trovato prove di un legame tra i due.”

Nel secondo studio presentato alle sessioni scientifiche dell’American Heart Association del 2019, i ricercatori di Intermountain hanno esaminato 894 pazienti sottoposti a angiografia coronarica (un test che mostra come il sangue scorre attraverso le arterie del cuore).

Questi pazienti non avevano precedenti di infarto o coronaropatia, tuttavia al loro primo angiogramma, circa il 40% di questi pazienti aveva una malattia grave e circa il 10% aveva una malattia a tre vasi.

I ricercatori hanno anche misurato i livelli plasmatici dei pazienti di metaboliti omega-3, inclusi DHA ed EPA. Quei pazienti sono stati quindi seguiti per vedere chi avesse avuto un successivo infarto, ictus, insufficienza cardiaca o chi è morto.

I ricercatori hanno scoperto che i pazienti con tassi più elevati di metaboliti omega-3 avevano un rischio inferiore degli effetti avversi, indipendentemente dal fatto che avessero o meno una malattia grave sul loro angiogramma iniziale.

Questo studio è importante perché abbiamo esaminato in che modo l’omega-3 aiuta i pazienti che hanno già sviluppato una malattia e i suoi effetti sulla sopravvivenza – sia per arrivare alla prima angiografia da diagnosticare (rispetto ad avere un attacco di cuore o peggio ancora prima di sapere di avere malattie cardiache) e successivamente “, ha detto Le.

Abbiamo visto un legame tra livelli più alti di omega-3 e il loro tasso di sopravvivenza da allora in poi.

foto@Needpix

You May Also Like

Cannabis light, terapeutica e olio di CBD – facciamo chiarezza

Si sente sempre più parlare di cannabis light, ma c’è ancora molta…

Abbassare il livello di colesterolo con prodotti naturali

Uno dei prodotti naturali al momento più utilizzati per combattere il colesterolo,…

Dieta: Limoni perchè mangiarne regolarmente

Uno studio scientifico ha spiegato perchè dovremmo mangiare regolarmente più limoni. Uno…