Risparmiare energia e denaro: ecco come fare col frigorifero

redazione

Il frigorifero è l’elettrodomestico senza il quale non potremmo vivere. Ma anche quello che ci costa di più in termini di energia e di denaro. Attivo 24 ore su 24, 12 mesi su 12, sempre attaccato alla corrente, incide in maniera non indifferente sulla bolletta dell’energia elettrica (circa il 20-25%).

Eppure, esistono dei modi per risparmiare energia e denaro senza disfarsi di questo elettrodomestico. Si tratta di piccole accortezze quotidiane che possono essere facilmente adottate e che potrebbero avere dei risvolti positivi anche dal punto di vista ambientale.

Risparmiare energia e denaro ecco come fare col frigorifero

Innanzitutto, al momento dell’acquisto, è meglio orientarsi verso un frigorifero appartenente a una classe energetica alta, preferibilmente una A++ o le superiori. Anche se il costo è più elevato, sono elettrodomestici a basso consumo che garantiscono un risparmio economico nel tempo, permettendo così di recuperare i soldi in più investiti. Prima di comprare un frigorifero bisognerebbe anche pensare bene alle proprie esigenze. È inutile comprare un apparecchio grande a due ante se si vive da soli. Questo perché il consumo è legato alla capacità del frigorifero: il primo aumenta in proporzione alla seconda.

Per risparmiare energia è sempre meglio scegliere frigoriferi monoporta e combinati, ovvero contenenti anche il freezer nella parte inferiore dell’elettrodomestico.

La posizione del frigorifero all’interno della cucina incide sul consumo energetico ed economico. Infatti, se l’apparecchio è vicino a fonti di calore (come il termosifone, il piano cottura o il forno) o è esposto a sud, dovrà lavorare di più per mantenere l’interno fresco e, quindi, consumerà anche di più. È meglio lasciare una decina di centimetri di distanza tra il frigorifero e la parete. In questo modo, il calore della serpentina viene smaltito più facilmente e non intralcia l’azione del compressore.

Un altro consiglio utile per non sprecare corrente quando si parla di mantenimento del frigorifero è regolare bene la temperatura dell’elettrodomestico a seconda degli scompartimenti. Ogni alimento ha la sua collocazione precisa all’interno di un frigorifero perché non tutti i cibi devono essere conservati alla stessa temperatura. La parte più fredda (solitamente si trova in basso sotto il cassetto per le verdure) serve per conservare carne o pesce. Quella più “calda” è lo sportello, ovvero la parte a più diretto contatto con l’esterno. Ecco perché sul portellone si trovano gli scaffali dove mettere uova, bevande e salse che non hanno bisogno di temperature così basse.

Il frigorifero non dovrebbe mai essere né troppo pieno, né troppo vuoto. In entrambi i casi, l’apparecchio non riesce a svolgere la sua funzione correttamente, causando un forte dispendio di energia (e quindi di denaro). È sempre meglio non aprire inutilmente lo sportello dell’elettrodomestico ed evitare di inserirvi alimenti troppo caldi.

Infine, in caso di rottura o malfunzionamento dell’apparecchio sarebbe meglio richiedere l’assistenza frigo anche nel caso in cui la garanzia fosse scaduta. Troppo spesso si sceglie a cuor leggero di disfarsi e di sostituire ciò che non funziona. Ma riparare è una scelta molto conveniente dal punto di vista economico, nonché (e forse oggi è ancora più importante) ambientale. Non creare rifiuti inutili e evitare sprechi di risorse nel processi di produzione è un comportamento ecologico che troppo spesso è stato ignorato dalle generazioni passate provocando non pochi problemi soprattutto per il futuro.

Next Post

Si aggrava la posizione di Anastasiya nell’omicidio Sacchi

Fin dal primo momento la sua versione non aveva convinto gli inquirenti, come del resto anche i genitori della vittima, che avevano immediatamente preso le distanze dalla ragazza, e più proseguono le indagini e più quelle prime impressioni trovano conferma. Nell’ambito dell’omicidio di Luca Sacchi si aggrava infatti la posizione […]
Si aggrava la posizione di Anastasiya ne omicidio Sacchi