Unioni Civili, Ddl Cirinnà: ci sarà lo stralcio delle adozioni?Per il Ddl Cirinnà, il disegno di legge sulle Unioni Civili, si profila l’ipotesi dello stralcio della parte riguardante le adozioni.

Il Partito Democratico, vista la mala parata, ha chiesto e ottenuto il rinvio di una settimana per le votazioni sul Ddl Cirinnà. Questo vuol dire ancora nessun accordo e massima confusione.

Per le votazioni si parla del prossimo 24 febbraio, sempre che la situazione nel frattempo si sia normalizzata.

La retromarcia del Movimento 5 Stelle ha fatto saltare tutto, ivi compresa l’ipotesi del cosiddetto Canguro, cioè quell’emendamento che avrebbe consentito di superare tutti gli altri emendamenti portati avanti a livello di ostruzionismo.

Ma che l’aria non fosse buona nei rapporti fra Pd e grillini, lo si era capito già qualche giorno fa, quando Beppe Grillo sul suo blog aveva lasciato libertà di coscienza per i suoi nelle votazioni.

Il passo successivo conseguenziale, per mettere in difficoltà ulteriore Renzi, è stato quello di negare la possibilità di votare il Canguro.
Uno più uno fa due.

Il dietrofront è stato completato. A questo punto o si va al voto, rischiando, sul Canguro, sapendo che il pentastellati non sono favorevoli, oppure si profila l’ipotesi dello stralcio della stepchild adoption. Ma potrebbe non bastare pure quest’ultima ipotesi