Prove di intesa fra Lega e Movimento 5 StelleProve di intesa fra Lega e Movimento 5 Stelle

Salvini dice che aiuterà i Pentastellati, mentre da parte dei Grillini si dice che non c’è nessuna intesa con nessuno. Ma fra il dire e il fare c’è di mezzo il mare.

Così a Roma e a Torino i Leghisti finiranno per aiutare le candidate grilline, e a Milano e Bologna potrebbe succedere l’inverso. Pur di votare contro Renzi, questo e altro.

Ad esempio, a Cattolica, il segretario regionale leghista dell’Emilia ha fatto capire che il sostegno al M5S già c’è.

D’altro canto Salvini ha appena detto: “Mai con Renzi, mai insieme al bugiardo per eccellenza”. Insomma, guerra contro Renzi, con bordate a tutti i livelli.

Perché secondo il centrodestra queste elezioni possono essere importanti per la sorte del governo.

E possono essere ancora più importanti per Matteo Salvini stesso, il quale è evidente che ormai mira a fare il leader del centrodestra, specialmente ora che Berlusconi non sta neppure bene fisicamente.

Ma la Lega, lo dicono proprio le ultime elezioni, non ha conquistato una vocazione ultraterritoriale, rimane sempre una forza limitata quasi esclusivamente alla Padania o giù di lì. Il leader del centrodestra, ammesso che riescano a mettersi d’accordo, non sarà un leghista.