Alcuni antidolorifici possono aumentare il dolore, attenzione

Alcuni antidolorifici possono aumentare il dolore attenzione

Esistono alcuni farmaci contenenti principi attivi che possono in realtà non alleviare il dolore ma in certi casi avere un effetto opposto.

Paracetamolo prima e oggi ibuprofene

Dopo il paracetamolo, è arrivato un avvertimento per i farmaci con principi attivi come l’aspirina e simili ibuprofene.

Secondo gli studi, è stato rivelato che i farmaci con il principio attivo ibuprofene, che vengono assunti per alleviare il dolore, causano un peggioramento del dolore e possono anche prolungare la durata del dolore.

Gli studi sul sollievo dal dolore nei due paesi hanno avvertito di prolungare la durata del dolore di alcuni farmaci, come viene riportato dal portale mynet.com

Si è scoperto che gli antidolorifici non alleviano il dolore e l’assunzione di aspirina e ibuprofene come antidolorifici peggiorerà il dolore e prolungherà la durata della sofferenza.

Per un po’, l’approccio sospettoso delle persone agli antidolorifici e agli antipiretici ha rivelato quanto sia normale questa situazione.

Secondo la notizia pubblicata sul Daily Mail, la ricerca condotta dai ricercatori della McGill University in Canada e dell’Ospedale di Monza in Italia e pubblicata sulla rivista Science Translational Medicine, era basata su test su cellule umane e topi in ambiente di laboratorio.

I primi test effettuati sui topi

I farmaci antinfiammatori agiscono bloccando i neutrofili, che sono globuli bianchi che aiutano il corpo a iniziare il processo di guarigione.

Gli esperti hanno analizzato tre volte campioni di sangue prelevati da 98 persone che soffrivano di lombalgia.

I pazienti il ​​cui dolore alla fine è scomparso avevano un numero significativamente maggiore di neutrofili nel sangue rispetto a quelli che ne avevano ancora.

Ciò ha ispirato i ricercatori a testare il blocco dei neutrofili nei topi feriti con farmaci antinfiammatori. La maggior parte dei topi di controllo ha smesso di provare dolore entro due mesi.

Tuttavia, i roditori che hanno assunto i farmaci antinfiammatori hanno avvertito un dolore in media due volte più lungo e alcuni hanno sofferto fino a 10 volte più a lungo rispetto al gruppo di controllo.

La ripetizione dell’esperimento con analgesici non infiammatori come il paracetamolo non ha prodotto la stessa risposta al dolore di lunga durata. Questa infiammazione svolge un ruolo nella guarigione delle lesioni e nella risoluzione del dolore, hanno affermato i ricercatori.

I risultati sono stati supportati da un’analisi separata di 500.000 persone che hanno mostrato che coloro che assumevano farmaci antinfiammatori per trattare il dolore avevano maggiori probabilità di soffrire di dolore da due a 10 anni dopo.