Allungare la vita? Rivolgersi sempre allo stesso medico

Affidarsi sempre allo stesso dottore porta ad una vita più lunga?

Circa il 21% degli americani non ha un medico personale, secondo l’analisi del 2016 della Kaiser Family Foundation, con l’Alaska al 32,2%, tuttavia, una nuova revisione sistematica suggerisce che quando una persona vede lo stesso medico nel corso del tempo che può portare a una minore probabilità di morte prematura.

Le ultime statistiche arrivano da una collaborazione tra l’Università britannica di Exeter Medical School e St. Leonard’s Practice di Exeter che ha analizzato 22 studi minori di nove paesi diversi, ciascuno di questi studi ha esaminato l’associazione tra “continuità di cura” e morte. I ricercatori del Regno Unito hanno definito il concetto di “continuità di cura” come “ripetuti contatti tra un singolo paziente e un medico“.

Circa l’81% degli studi che hanno esaminato e mostrato riduzioni statisticamente significative della mortalità associate a persone che sono state in grado di vedere lo stesso medico per un lungo periodo di tempo.

Allungare-la-vita-Rivolgersi-sempre-allo-stesso-medico

Siamo rimasti piacevolmente sorpresi dai risultati“, ha dichiarato ad ABC News Phil Evans, professore associato di medicina generale e cure primarie presso l’Università di Exeter Medical School e uno degli autori dello studio.

Tuttavia, il più grande limite dello studio era che i ricercatori non erano in grado di compilare insieme tutti i risultati dello studio in quella che è nota come una “meta-analisi“, che avrebbe detto loro quanto il rischio diminuisse. Una meta-analisi non può utilizzare studi troppo diversi tra loro, in cui i confronti non possono essere equi, esistevano diverse definizioni di “continuità di cura” e diversi periodi di “follow” da studio a studio. Gli autori ritengono che le loro scoperte si applicherebbero anche agli Stati Uniti, nonostante il suo esclusivo sistema sanitario basato sull’assicurazione privata.

Apprezziamo che il modello di pratica della famiglia americana sia diverso dal Regno Unito, tuttavia, abbiamo incluso diversi studi importanti negli Stati Uniti nella nostra analisi“, ha detto Evans sempre a ABC News.

Non è chiaro quali fattori siano realmente alla base di questa tendenza alla riduzione della mortalità, potrebbe influire ad esempio il contatto ravvicinato tra paziente e medico per un lungo periodo di tempo che sta a dimostrare che il paziente potrebbe essere più propenso a seguire una medicina preventiva basata su prove di efficacia come i vaccini e più probabile seguire le raccomandazioni di trattamento fatte da un medico che lo ha seguito nel corso degli anni.

Possiamo ipotizzare il motivo per cui esiste un’associazione“, ha detto Evans a ABC News. “Esistono prove del fatto che, dal momento che i pazienti sono più soddisfatti del proprio medico, è più probabile che accettino il ​​loro parere sullo screening, come i pap test per le donne, o i trattamenti come l’assunzione di statine se sono raccomandati“.

Il dott. Ronald Epstein, professore di medicina di famiglia, psichiatria, oncologia e medicina presso la facoltà di medicina e odontoiatria dell’Università di Rochester, che non è stato coinvolto nello studio, ha confermato ad ABC News i vantaggi di mantenere lo stesso team medico per entrambi sia medici che pazienti.

Questi risultati hanno senso con ciò che sappiamo sui benefici della continuità sulle cure. Per il medico è importante conoscere il proprio paziente come persona piuttosto che la condizione che ha. I medici che vedono in un lungo arco di tempo, lo stesso paziente hanno un migliore senso dei valori e delle preferenze del paziente, nonché delle complessità attorno al piano di trattamento e alla situazione sociale dello stesso paziente“, ha detto Epstein ad ABC News. “C’è anche un senso di lealtà e una connessione con i risultati di salute del paziente, è lo stesso paziente che potrebbe essere predisposto a seguire le raccomandazioni del medico di famiglia grazie a quella fiducia che si è costruita nel tempo. A conti fatti, consultare sempre lo stesso medico è una cosa molto positiva sia per il paziente che per il medico“.

redazione

I contenuti pubblicati dalla redazione di Italiaglobale.