Amazon e Covid: 20mila dipendenti positivi negli Stati Uniti

redazione

Amazon ha rivelato che quasi 20.000 dei suoi lavoratori negli Stati Uniti hanno contratto il Covid-19 dopo mesi di richieste di divulgazione pubblica da parte degli attivisti.

L’azienda tecnologica statunitense è stata uno dei maggiori vincitori aziendali durante la pandemia, con persone in tutto il mondo che sono passate allo shopping online durante i blocchi. Tuttavia, Amazon ha affrontato le critiche di alcuni attivisti del lavoro che hanno affermato che l’azienda metteva in pericolo i dipendenti mantenendo aperti i magazzini .

In un post sul blog , Amazon ha affermato che la sua analisi ha suggerito che il tasso di infezione tra 1,4 milioni di lavoratori di Amazon e della sua sussidiaria Whole Foods era inferiore del 42% rispetto al tasso previsto in base alla popolazione più ampia degli Stati Uniti.

Amazon e Covid 20mila dipendenti positivi negli Stati Uniti

Una ripartizione dei casi da stato a stato ha mostrato che il più alto tasso di infezione dei dipendenti di Amazon è stato nel Minnesota, dove si presumeva che il 3,17% dei lavoratori di Amazon avesse contratto il Covid-19, il doppio del tasso di infezione nella popolazione più ampia. Tuttavia, i dati non hanno fornito un numero assoluto di lavoratori infetti in ogni stato o se i lavoratori nei magazzini fossero più vulnerabili.

Amazon, che ha un valore di mercato di 1,6 trilioni di dollari e il cui maggiore azionista è il suo fondatore e amministratore delegato, Jeff Bezos, la persona più ricca al mondo, ha affermato che sta investendo “centinaia di milioni di dollari” nei propri test sul coronavirus. Prevede di portare a 50.000 test al giorno in 650 siti entro novembre.

Athena, una coalizione di gruppi di attivisti statunitensi che si battono per una maggiore supervisione normativa su Amazon , ha chiesto indagini immediate sull’azienda da parte di funzionari della sanità pubblica e rapporti regolari sul numero di dipendenti con Covid-19.

Il direttore di Athena, Dania Rajendra, ha detto in una dichiarazione condivisa su Twitter:

Amazon ha permesso Covid-19 per la diffusione a macchia d’olio nelle sue strutture, rischiando la salute di decine di migliaia di persone che lavorano su Amazon – così come i loro familiari, i vicini e gli amici. Amazon è, senza mezzi termini, una minaccia per la salute pubblica“.

Amazon afferma che l’azienda offre ai propri dipendenti un’assicurazione sanitaria completa e un periodo di ferie retribuito per qualsiasi lavoratore che deve essere messo in quarantena. Ha anche istituito nuovi regimi di pulizia e altri processi per ridurre la diffusione del virus, ha affermato la società.

fonte@TheGuardian

Next Post

UK: si chiede di legalizzare i monopattini elettrici

I parlamentari del Regno Unito hanno chiesto al governo di legalizzare i monopattini elettrici in modo che possano essere utilizzati come un’alternativa più ecologica alle auto per i viaggi brevi. Attualmente i monopattini elettrici sono illegali su strade pubbliche, piste ciclabili e marciapiedi. Ma il comitato di selezione dei trasporti […]
UK si chiede di legalizzare i monopattini elettrici