Parigi, picco Covid rischio chiusura Bar e feste in famiglia

redazione

Con i pazienti malati di COVID-19 che ora occupano circa un terzo delle unità di terapia intensiva nell’area di Parigi, il ministro della salute francese ha minacciato giovedì di chiudere tutto e vietare anche le riunioni di famiglia, se la situazione non migliora.

Anche le unità di terapia intensiva in altre regioni della Francia si stanno riempiendo di pazienti affetti da virus, poiché più di due mesi di infezioni crescenti si sono ormai diffuse alle popolazioni anziane e vulnerabili del paese.

Ma mentre altri paesi hanno imposto nuovi blocchi localizzati per combattere i casi di rimbalzo, il governo francese si sta impegnando per evitarlo e adotta invece misure localizzate relativamente modeste.

Il ministro della Salute francese Olivier Veran ha avvertito che il governo potrebbe classificare Parigi e le periferie vicine come una “zona di massima allerta” a partire da lunedì, portando a misure come la chiusura dei bar e il divieto di “feste di famiglia” o altri grandi raduni.

Non ha fissato un limite alle dimensioni dei gruppi o indicato cosa potrebbe significare la designazione della zona di allerta per gli Open di Francia, attualmente in corso al confine occidentale di Parigi e aperti a un massimo di 1.000 spettatori al giorno.

Tra le proteste ormai quotidiane contro le restrizioni dei virus nei caffè francesi, Veran ha affermato che i ristoranti potrebbero rimanere aperti, se impongono regole più severe.

Parigi picco Covid rischio chiusura Bar e feste in famiglia

Il livello di allerta massimo significa che “il rischio di saturazione ospedaliera è molto alto“, ha detto Veran, poiché le autorità hanno svelato dati regione per regione che mostrano che il numero di pazienti in terapia intensiva in alcune aree sta aumentando più velocemente di quanto previsto dal governo un mese fa.

La regione parigina sembra particolarmente preoccupante, con il 30-35% dei letti in terapia intensiva ora occupati da pazienti affetti da virus e gli ospedali che ritardano alcuni interventi chirurgici programmati per fare spazio ai casi COVID, ha detto il ministro della salute. Parigi registra attualmente quasi 200 casi positivi ogni 100.000 persone a settimana e più di 100 casi positivi ogni 100.000 anziani.

La situazione nella capitale inizia ad assomigliare a quella della città mediterranea di Marsiglia e dell’isola caraibica francese di Guadalupa, dove tutti i ristoranti e bar sono stati chiusi dopo che il governo li ha messi al massimo livello di allerta la scorsa settimana.

Veran ha detto che ci sono segnali di un rallentamento della crescita dell’infezione a Marsiglia, Bordeaux e Nizza. Ma ha detto che è troppo presto per revocare le restrizioni e che la Francia nel complesso è ancora “nella fase di un aggravamento della situazione“.

La Francia ha registrato più di 10.000 nuovi casi confermati al giorno nelle ultime due settimane e ha segnalato un totale di 31.956 decessi correlati al virus, tra i pedaggi più alti in Europa.

Next Post

Amazon e Covid: 20mila dipendenti positivi negli Stati Uniti

Amazon ha rivelato che quasi 20.000 dei suoi lavoratori negli Stati Uniti hanno contratto il Covid-19 dopo mesi di richieste di divulgazione pubblica da parte degli attivisti. L’azienda tecnologica statunitense è stata uno dei maggiori vincitori aziendali durante la pandemia, con persone in tutto il mondo che sono passate allo shopping online […]
Amazon e Covid 20mila dipendenti positivi negli Stati Uniti