App Store lavora sulle app che hanno costi assurdi

redazione

Finora l’App Store ha trattato l’approccio dei creatori di applicazioni alla valutazione dei loro progetti in modo abbastanza approssimativo. Ora, tuttavia, questo potrebbe cambiare a causa di applicazioni assurdamente costose.

Come riportato da 9to5Mac, Apple sta per lavorare ad applicazioni che hanno “prezzi irrazionalmente alti“. Naturalmente, non si tratta di annullare l’approccio del libero mercato al negozio e controllare i prezzi, ma di sbarazzarsi di applicazioni che potrebbero essere una truffa o danneggiare gli utenti in qualche modo.

App Store lavora sulle app che hanno costi assurdi
foto@Flickr

Applicazioni di questo tipo si fingono normali programmi, ma ingannano i clienti e, ad esempio, ti fanno pagare abbonamenti ingenti. Apple ha già rifiutato l’app sulla base del fatto che, secondo l’azienda, il valore dell’offerta era notevolmente inferiore a quanto gli sviluppatori avevano ordinato di pagare per l’abbonamento.

Apple è arrivata al punto di chiamare questa pratica come “fregare i clienti“. Naturalmente, tali elementi erano già presenti nella politica di moderazione dei contenuti da aggiungere all’App Store, ma sembra che Apple ora inizierà a far rispettare queste regole in modo più forte.

Aggiungiamo che Apple lavora costantemente alle innovazioni: l’azienda ha già iniziato a cercare ingegneri che sarebbero coinvolti nello sviluppo della tecnologia 6G . A sua volta, il prossimo telefono dell’azienda, l’iPhone 13, può ottenere supporto per lo schermo Always On, ovvero la possibilità di visualizzare le notifiche mentre lo schermo è bloccato .

Next Post

Far Cry 6, la beta test è una truffa conferma la Ubisoft

Ubisoft mette in guardia dall’aprire un’e-mail che invita al beta test di Far Cry 6, non proviene dall’azienda e contiene un virus. Lo YouTuber theRadBrad ha informato su Twitter che su Internet sta circolando una finta e-mail che invita a provare in beta il gioco “Far Cry 6“. I truffatori […]
Far Cry 6 la beta test una truffa conferma la Ubisoft