Coronavirus: resterà pericoloso o semplice influenza?

redazione

Quale sarà il percorso del virus che provoca il Covid-19, il coronavirus sarà trattato come una semplice influenza o resterà sempre pericoloso?

Con ogni probabilità, il Covid-19 seguirà lo stesso scenario dell’influenza, pensa Ron Fouchier, virologo molecolare all’ErasmusMC di Rotterdam. “La maggior parte delle persone ha avuto l’influenza una volta o l’altra e ne è immune. I bambini piccoli prendono una brutta influenza, con la febbre alta, la prima volta che la contraggono, prima del quarto anno. Poi hanno costruito le loro difese”.

Anche il virus dell’influenza muta rapidamente. Cambia un po’ ogni anno, quindi dopo qualche anno le difese costruite non sono più sufficienti. Quindi una variante irrompe nel sistema immunitario e ci si ammala. “Questo di solito accade in inverno perché il virus si diffonde più facilmente. Il sistema immunitario è stato quindi adattato in modo tale da riconoscere nuovamente l’ultima variante. Se è passato più tempo da quando hai preso l’influenza, può andare un po’ peggio, perché il virus è cambiato troppo. E le difese scompaiono rapidamente negli anziani e nei vulnerabili, quindi li vacciniamo ogni anno“.

Coronavirus restera pericoloso o semplice influenza

Nel caso dell’influenza prevalgono sempre varianti che possono sfuggire al sistema immunitario. Fouchier: “Chiamiamo questo impulso antigenico. Ecco perché dobbiamo adeguare i vaccini per l’influenza quasi ogni anno, in modo che corrispondano di nuovo ai virus nella società“.

All’inizio di quest’anno, il biologo evoluzionista americano Jesse Bloom ha dimostrato che anche quei coronavirus innocui sfuggono nel tempo. Ha esaminato gli anticorpi dei campioni di sangue di persone degli anni ’80 o ’90 contro l’innocuo coronavirus 229E. Spesso si è scoperto che non riconoscevano il virus 229E che circolava da otto a diciassette anni dopo.

Sembra ormai chiaro che il SARS-CoV-2 sviluppa anche varianti meno riconosciute dagli anticorpi generati dal virus originale di Wuhan o dai vaccini. L’OMS considera quattro di queste varianti preoccupanti : alfa, beta, gamma e delta, osservate per la prima volta rispettivamente in Inghilterra, Sud Africa, Brasile e India. Hanno piccoli cambiamenti in punti cruciali, inclusa la proteina spike, la proiezione con cui il virus funziona da solo nelle nostre cellule. Ma la difesa sembra ancora reggere bene contro quelle varianti.

Gli anticorpi neutralizzanti nel sangue dopo un’infezione o una vaccinazione riconoscono chiaramente meno bene le varianti. Ma rimangono sufficientemente alti contro alfa, beta e gamma“, afferma il virologo e vaccinologo Rogier Sanders dell’UMC di Amsterdam. “Ci sono risultati simili per la variante delta“. Lo studio che il suo gruppo ha pubblicato la scorsa settimana ha mostrato che la variante beta è la più resistente agli anticorpi. Ma abbastanza sorprendentemente, quella variante non ha avuto il sopravvento in tutto il mondo, è stata invece la delta.

La deriva antigenica di SARS-CoV-2 punta comunque verso lo scenario dell’influenza.

Il virologo belga Marc Van Ranst pensa che uno di loro, OC43, abbia causato la pandemia di influenza russa intorno al 1890. “Abbiamo trovato indicazioni genetiche per questo nel 2005“, afferma Van Ranst. “Possiamo dimostrarlo solo se riusciamo a trovare quel virus nei campioni di quel periodo, e non è facile. Ma i sintomi che lo hanno causato allora e la natura dell’epidemia sono molto simili all’attuale pandemia, quindi è un’ipotesi plausibile“. OC43 sarebbe l’ultimo di quei quattro coronavirus ad essere passato da un virus mortale che causa una pandemia a un virus del raffreddore innocuo. “Ma non sappiamo quando è avvenuto questo cambiamento“, afferma Van Ranst. E se è successo all’improvviso o molto gradualmente.

fonte@nrc.nl

Next Post

Perseverance raccoglie un secondo campione di roccia marziana

Il rover Perseverance, di stanza su Marte, ha prelevato un secondo campione di roccia marziana e ha condotto un’analisi iniziale, lo ha riferito venerdì l’agenzia spaziale statunitense Nasa. I campioni sono “probabilmente vulcanici con accenni di sali che potrebbero contenere acqua stantia“, ha scritto la NASA su Twitter. Lunedì, Perseverance […]
Perseverance raccoglie un secondo campione di roccia marziana