Esopianeta scoperto, potrebbe contenere oceani di lava

redazione

Con oltre 4.000 esopianeti scoperti fino ad oggi, c’è solo l’imbarazzo della scelta, l’ultimo ad entrare nei ranghi è K2-141b, un pianeta in fiamme dove piovono rocce, i venti sferzano a velocità impressionanti ed enormi strisce di superficie sono ricoperte da oceani di lava.

Scoperta nel 2018 dalla missione Second Light di Kepler, K2-141b è una super-Terra rocciosa che è circa il 50% più grande del nostro pianeta natale, ma cinque volte più densa. Ha uno degli “anni” più brevi di qualsiasi pianeta conosciuto, che sfreccia intorno alla sua stella ospite una volta ogni 6,7 ore.

Nel nuovo studio, i ricercatori delle università McGill e York e dell’Indian Institute of Science Education hanno simulato l’atmosfera e il tempo del K2-141b, studiando lo spettro di luce della stella che filtra attraverso l’atmosfera del pianeta.

Esopianeta scoperto potrebbe contenere oceani di lava

E l’immagine che dipingono è uno degli esopianeti più estremi mai descritti. Le simulazioni suggeriscono che K2-141b abbia un sistema simile al ciclo dell’acqua terrestre: oceani fluidi e vapore atmosferico che si condensa e cade come pioggia. La differenza è che su questo esopianeta il ciclo non è acqua, ma rocce .

K2-141b è legato alla marea alla sua stella, il che significa che circa due terzi del pianeta è costantemente inondato dalla luce del giorno. Ciò riscalda il lato diurno a un soffocante 3.000 ° C (5.432 ° F), sciogliendo la superficie in un vasto oceano di lava, profondo 100 km (62 mi).

Nel frattempo, il lato notturno del pianeta non vede mai la luce, quindi le temperature scendono sotto i -200 ° C (-328 ° F). Quell’enorme differenza di temperatura crea venti incredibilmente forti con velocità superiori a 5.000 km / h (3.100 mph). Questi venti supersonici trasportano le rocce vaporizzate sul lato notturno del pianeta, dove si raffreddano, si condensano e cadono come una pioggia rocciosa.

Ma non è un sistema completamente stabile, dice il team. Ci vuole un po ‘perché l’oceano di magma fluisca dal lato notturno a quello diurno, quindi la composizione minerale complessiva della superficie e dell’atmosfera del pianeta cambierà probabilmente nel tempo.

Lo studio è il primo a fare previsioni sulle condizioni meteorologiche sul K2-141b che possono essere rilevate da centinaia di anni luce di distanza con telescopi di nuova generazione come il James Webb Space Telescope“, afferma Giang Nguyen, autore principale dello studio.

Fonte: McGill University

Next Post

Putin e il mistero delle dimissioni nel 2021

I 20 anni di regno del presidente russo Vladimir Putin potrebbero volgere al termine con fonti a Mosca che affermano che si dimetterà il prossimo anno. Una fonte a Mosca ha detto al The Sun che Putin, 68 anni, avrebbe il morbo di Parkinson. Naturalmente la notizie non è stata […]
Putin e il mistero delle dimissioni nel 2021