Le condizioni climatiche influiscono sul contagio da coronavirus?

redazione

Il tempo influisce sulla diffusione del coronavirus all’esterno?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che il virus può essere trasmesso con qualsiasi tipo di tempo e che non c’è motivo di credere che il freddo possa ucciderlo.

L’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite afferma che il virus si diffonde principalmente tra le persone. La pioggia e la neve potrebbero diluire qualsiasi traccia del virus su panchine o altri oggetti esterni, ma non si ritiene che la trasmissione dalle superfici sia una delle cause principali della pandemia.

Gli scienziati affermano che la vera preoccupazione per il freddo è che le temperature più basse hanno maggiori probabilità di tenere le persone in casa, potenzialmente in spazi più affollati dove il virus può diffondersi più facilmente.

Le condizioni climatiche influiscono sul contagio da coronavirus

Gli studi hanno dimostrato che una percentuale significativa di diffusione avviene all’interno delle famiglie quando le persone condividono aree comuni come cucine e bagni.

L’OMS e altri hanno anche avvertito che negli spazi interni con scarsa ventilazione, la trasmissione avviene più facilmente perché il virus può diffondersi nell’aria e le particelle infettive potrebbero rimanere sospese nell’aria per diverse ore.

Il coronavirus non si trasmette così spesso all’aperto perché l’aria fresca disperde le particelle virali e le persone riescono più facilmente a tenersi a distanza dagli altri. Ma gli esperti avvertono che se le persone trascorrono lunghi periodi di tempo all’aperto vicino ad altri senza indossare maschere, la diffusione del coronavirus è ancora possibile.

I funzionari sanitari dicono che il modo migliore per fermare la trasmissione del virus è indossare una mascherina in pubblico, stare ad almeno 6 piedi (2 metri) da persone che non sono nella tua famiglia e lavarti spesso le mani.

Next Post

Esopianeta scoperto, potrebbe contenere oceani di lava

Con oltre 4.000 esopianeti scoperti fino ad oggi, c’è solo l’imbarazzo della scelta, l’ultimo ad entrare nei ranghi è K2-141b, un pianeta in fiamme dove piovono rocce, i venti sferzano a velocità impressionanti ed enormi strisce di superficie sono ricoperte da oceani di lava. Scoperta nel 2018 dalla missione Second […]
Esopianeta scoperto potrebbe contenere oceani di lava