I fumatori hanno maggiori possibilità di contrarre il coronavirus

redazione

Secondo recenti studi le prove indicano fortemente che i fumatori hanno maggiori probabilità di contrarre e soffrire di malattia da Covid-19 fino al 50%, secondo quanto affermato in un’intervista al Dr. Hebe Judeh, funzionario dell’Unità antifumo dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Il dottor Joudeh ha spiegato che ciò significa che i fumatori hanno maggiori probabilità di avere sintomi peggiori e hanno maggiori probabilità di peggiorare con condizioni che richiedono il ricovero in ospedale e persino in unità di terapia intensiva.

I fumatori hanno maggiori possibilita di contrarre il coronavirus

Judeh ha avvertito che, alla fine, i fumatori hanno maggiori probabilità di morire per infezione da Covid-19 rispetto a chiunque non abbia mai fumato, poiché in generale è noto che il tabacco è causa di malattie cardiache, malattie polmonari come malattie polmonari croniche e tumori come il cancro ai polmoni.

Nelle campagne pubblicitarie e promozionali per attirare l’attenzione delle persone sul fumo, il dott. Judeh ha affermato che l’industria del tabacco e altre industrie, coinvolte nella produzione e commercializzazione di sigarette elettroniche, sono state e rimangono molto attive durante la pandemia.

Il Dr. Judeh ha sottolineato che in tempi di lockdown, ad esempio, le aziende che commercializzano e vendono prodotti del tabacco hanno lavorato per garantire che i consumatori avessero accesso continuo a questi prodotti nocivi attraverso la consegna senza contatto, ad esempio le consegne a domicilio, osservando che Ciò che preoccupa particolarmente di queste forme di consegna e che possono essere consegnate anche a minorenni, che di solito non possono acquistare facilmente questi prodotti.

Nel frattempo, l’industria del tabacco è stata completamente in silenzio sulla sua responsabilità per oltre otto milioni di decessi legati al tabacco ogni anno.

Ma per quanto riguarda i benefici di cui godono coloro che smettono di fumare, Joudeh ha affermato che i benefici che maturano per il corpo umano quando si smette di fumare e il consumo di tabacco in generale sono quasi immediati.

Entro 20 minuti dall’ultima sigaretta fumata, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna sono migliorate. Entro 12 ore, i livelli di monossido di carbonio nel sangue scendono entro i limiti normali. Entro 2-12 settimane, ci si può aspettare un miglioramento della funzionalità polmonare e della circolazione.

Infatti, entro uno-quattro anni da quando si è smesso di fumare, il rischio di morte si riduce del 50%. Quindi, il momento migliore per smettere è adesso.

Il coronavirus ha causato la morte di almeno 4.539.397 persone nel mondo da quando l’ufficio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in Cina ha segnalato l’insorgere della malattia alla fine di dicembre 2019.

fonte

Next Post

Importanza del settore del gioco per l’economia italiana

Per l’economia del nostro paese è molto importante il settore del gioco legale, rappresenta infatti una grossa fetta di introiti che vanno nelle casse dello Stato per poi essere trasformati e reinvestiti in altri modi. Con l’arrivo della pandemia mondiale tantissime attività legate a questo settore sono entrate in crisi, […]
Importanza del settore del gioco per economia italiana