Talebani d’accordo alla visita della Merkel in Afghanistan

redazione

Il movimento militante talebano, che ha preso il controllo dell’Afghanistan a metà agosto, si dice “lieto della visita del cancelliere tedesco Angela Merkel“. Lo ha detto un portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid in un’intervista al quotidiano tedesco Bild, pubblicata lunedì.

Alla domanda del giornalista Paul Ronzheimer se i funzionari talebani avrebbero accolto con favore la visita di un cancelliere tedesco in Afghanistan, Mujahid ha risposto: “Sì, certo. Vogliamo un ambiente completamente sicuro qui in Afghanistan, uno che sia accettato da tutti i paesi del mondo e di cui i presidenti ei primi ministri si fidino. Dovesse farci visita Angela Merkel sarebbe particolarmente benvenuta. Saremmo davvero contenti“.

Talebani accordo alla visita della Merkel in Afghanistan

Anche un portavoce del movimento fondamentalista ha ribadito il suo appello alla Germania affinché continui a fornire assistenza finanziaria all’Afghanistan. “Vogliamo che la Germania ci sostenga e ci assista in campo umanitario, se il governo tedesco può“, ha affermato. Inoltre, l’Afghanistan ha affermato di aver bisogno di aiuto nell’assistenza sanitaria, nell’istruzione e anche nelle infrastrutture.

Un portavoce dei talebani ha invitato i rifugiati afgani in Germania a tornare a casa. “Vogliamo che tutti gli afghani che si trovano all’estero come rifugiati, soprattutto in Germania, ritornino nel loro Paese“, ha affermato.

Mujahide aveva precedentemente affermato in un’intervista con il Welt am Sonntag di domenica che il suo movimento voleva stabilire relazioni diplomatiche ufficiali e intense con la Germania.

Berlino è attualmente in contatto informale con i talebani, in particolare per garantire che i cittadini tedeschi e afghani che hanno lavorato con la Germania lascino il Paese. Finora, però, la Germania non ha intenzione di riconoscere ufficialmente il nuovo governo afghano, guidato dai talebani, secondo quanto riportato dal portale merkur.de.

Next Post

Nato: Ci preoccupano le basi missilistiche in Cina

Lunedì il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha espresso preoccupazione per la costruzione di nuove forze missilistiche in Cina, che ha affermato che ha aumentato significativamente il potenziale di armi nucleari del paese. Secondo Stoltenberg, la Cina sta rapidamente aumentando il numero delle sue testate nucleari e dei moderni […]
Nato Ci preoccupano le basi missilistiche in Cina