Ipocondriaco cosa significa: ansia da malattia
Ipocondriaco-cosa-significa-ansia-da-malattia

Ipocondria: che cos’è il disturbo d’ansia da malattia?

Tutti a volte si preoccupano della loro salute, ma per alcune persone, il timore di ammalarsi è talmente forte, anche quando sono in buona salute, che trovano difficile far fronte alla loro vita quotidiana.

Qualcuno che vive nella paura di avere una malattia grave, nonostante i test medici non abbiano mai trovato nulla di sbagliato, può avere un disturbo somatico dei sintomi, noto anche come disturbo d’ ansia da malattia. La condizione è stata anche conosciuta con altri nomi, tra cui l’ipocondria.

Che cos’è l’ipocondria?

Uno studio pubblicato su JAMA definisce il disturbo somatico dei sintomi come “una persistente paura o convinzione che si abbia una grave malattia medica non diagnosticata“.

Gli autori di tale studio hanno notato che colpisce fino al 5% dei pazienti ambulatoriali. In breve, il disturbo è una condizione di salute mentale in cui una persona si preoccupa eccessivamente di essere malata, al punto che l’ansia stessa è debilitante. La preoccupazione per la salute diventa una malattia.

Quanto è grave può dipendere dall’età, dalla tendenza di una persona a preoccuparsi e da quanto stress si accumula nel tempo.

Ipocondria: proviamo a rivelarne i sintomi

Preoccuparsi per la salute diventa una malattia stessa. Se si pensa di essere troppo spesso in ansia per la propria salute, ecco alcuni dei segni da tenere in considerazione:

  • Essere preoccupato fino a diventare ossessionato dall’essere fisicamente malato o dal potersi ammalare.
  •  La preoccupazione per la tua salute influisce negativamente su vari aspetti della vita: lavoro, interazioni sociali, vita familiare e relazioni.
  • Usare troppo spesso internet, cercando di auto-diagnosticare le malattie o di esaminare fisicamente te stesso.
  • Non credere alle rassicurazioni del tuo medico sul tuo effettivo stato di salute anche quando ti viene confermato di essere sano.
  • Parlare costantemente della tua salute, cercando rassicurazioni da familiari e amici che stai bene.
  • A volte l’ansia può causare sintomi fisici come dolori, battiti del petto, sensazione di vertigini, secchezza delle fauci, sbandamento, tremori o sensazione di intorpidimento. Gli attacchi di panico possono essere uno sfogo fisico per la tua preoccupazione.
  • Interpretare le sensazioni corporee come una malattia grave, anche i più piccoli dolori o fastidi possono creare una paura molto reale.
  • Evitare qualsiasi cosa associata a malattie come i programmi di TV medica.
  • Sentirsi isolati e preoccupati.
  • Evitare attività o luoghi particolari per paura di ammalarsi fino ad arrivare a non fare più le cose che prima ci divertivano.

Ipocondria: porsi alcune domande

Ipocondria proviamo a rivelarne i sintomiLa chiave è cercare di limitare la quantità di preoccupazione, allentando gradualmente la paura e l’ansia di essere in cattiva salute.

Trovare una prospettiva sana e porsi la domanda: “Voglio continuare a preoccuparmi della possibilità di ammalarmi o voglio andare avanti e vivere la mia vita?

Naturalmente chiedere al proprio medico o ad un terapeuta per aiuto e supporto.

Ipocondria: quali sono le cause?

Le cause esatte non sono note, ma alcuni fattori si possono molto probabilmente riassumere in alcuni punti principali:

Credere un fraintendimento delle sensazioni fisiche, legato a un fraintendimento di come funziona il proprio corpo.

Fattori familiari: le persone che hanno un parente stretto con l’ipocondria hanno maggiori probabilità di sviluppare tale patologia da sole.

Fattori personali: le persone che hanno avuto problemi di salute in passato potrebbero essere più inclini a sviluppare una paura sproporzionata di ammalarsi di nuovo.

Collegamenti ad altre condizioni: altri disturbi psichiatrici sono stati collegati a disturbi dei sintomi somatici. Un’alta percentuale di pazienti con ipocondria ha anche depressione, disturbi da panico, disturbo ossessivo-compulsivo o disturbo d’ansia generalizzato.

La ricerca, pubblicata nel British Journal of Psychiatry, sottolinea che, come per il disturbo ossessivo-compulsivo (OCD), il disturbo somatico dei sintomi comporta la necessità di un controllo continuo, in quanto la persona cerca rassicurazione.

Questi “comportamenti della ricerca di sicurezza”, affermano gli autori, mirano “a ripristinare un senso di benessere e un certo grado di certezza sul futuro“. Tuttavia, possono finire per peggiorare i problemi che dovrebbero invece alleviare.

Mantenendo alti i livelli di ansia e evitando che le paure si dissolvano, questi comportamenti pongono maggiormente l’attenzione della persona focalizzata su un temibile disastro potenziale.

Poiché la maggior parte dei pazienti tende ad avvicinarsi al proprio medico di famiglia per le condizioni di salute,, piuttosto che rivolgersi a uno specialista, in questo caso potrebbero non ricevere mai una diagnosi di disturbo somatico dei sintomi.

Ipocondria: mediamente quanto dura?

Ipocondria mediamente quanto duraUna persona ipocondriaca può trascorrere mesi o anni a preoccuparsi di essere malata, ma può anche trascorrere lunghi periodi non pensandoci. I pazienti il ​​cui disturbo è transitorio hanno meno probabilità di avere problemi psichiatrici o gravi disturbi d’ansia e più probabilità di avere problemi medici.

Il recupero è più comune tra le persone con uno status socio-economico più elevato. Se un paziente ha depressione o ansia e questi rispondono bene al trattamento, anche loro hanno maggiori probabilità di vedere un buon risultato.

Ci sono prove che le persone con un disturbo di personalità potrebbero trovare più difficile il recupero, ma sono necessarie ulteriori ricerche per confermarlo.

Poiché il disturbo sintomatico somatico è una malattia relativamente nuova, sono disponibili poche statistiche.

Ipocondria: come viene trattata?

Una ricerca pubblicata su JAMA ha indicato che la terapia cognitivo comportamentale (CBT) e l’uso di inibitori selettivi della serotonina (SSRI), come la fluoxetina e la paroxetina, possono essere utili nel trattamento dell’ipocondria.

La CBT può aiutare il paziente a razionalizzare le proprie paure e gli SSRI possono ridurre il livello di ansia attraverso i farmaci.

Il Centro medico dell’Università del Maryland (UMM) suggerisce un certo numero di terapie alternative che potrebbero alleviare i sintomi, mettendo in guardia sul fatto che questi non sono ancora supportati dalla ricerca.

Includono evitare stimolanti come caffè, alcol e tabacco, praticare la meditazione consapevole e mangiare in modo sano.

Le erbe presunte per ridurre l’ansia includono erba di San Giovanni, kava kava e bacopa. UMM avverte, tuttavia, che i pazienti devono parlare con un medico prima di usare le erbe, perché alcuni rimedi a base di erbe possono reagire con i farmaci o avere altri effetti collaterali.

I contenuti scritti da più autori contemporaneamente vengono pubblicati su Italiaglobale a firma della redazione.

You May Also Like

Dalla genetica del colesterolo una soluzione per il diabete

La genetica del colesterolo utile per lo sviluppo di nuove terapie farmacologiche…

Alzheimer come combatterlo con una tazza di caffè

Una semplice tazza di caffè per riuscire a combattere l’Alzheimer? Sarebbero i…

Gas esilarante, il nuovo anestetico per un parto felice

Addio epidurale, in sala parto entra un nuovo anestetico che si inala…