Dieta mediterranea riduce rischio ictus nelle donne
Dieta mediterranea riduce rischio ictus nelle donne

La dieta mediterranea può abbassare il fattore rischio ictus nelle donne ma non influisce particolarmente negli uomini

L’ictus comincia a diventare un rischio relativamente presente soprattutto nelle donne e nel momento in cui gli anni cominciano a pesare, questi due fattori di rischio non si possono controllare seguire un determinato programma di dieta può aiutare le donne anziane a ridurre le loro possibilità di incappare nell’ictus.

Uno studio pubblicato a settembre 2018 a Stroke ha rilevato che le donne di età superiore ai 40 anni che hanno seguito una dieta mediterranea hanno ridotto il rischio di ictus in media del 22%, come conferma il portale EveryDayHealth. Le donne hanno più ictus e muoiono più di ictus, rispetto agli uomini ogni anno, e il rischio di ictus per entrambi i sessi raddoppia ogni 10 anni dopo i 55 anni, secondo l’American Stroke Association .

La nostra ricerca ci mostra che seguire una dieta mediterranea ricca di pesce, frutta, noci, verdure e fagioli e di carne e latticini, può ridurre il rischio di ictus per le donne oltre i 40 anni“, conferma l’autrice Ailsa Welch, PhD , professore di epidemiologia nutrizionale presso l’University of East Anglia nel Regno Unito.

I ricercatori non hanno osservato lo stesso effetto protettivo della dieta negli uomini, che hanno avuto una riduzione del rischio statisticamente insignificante del 6% rispetto alla dieta, ma, afferma Welch, “una dieta sana ed equilibrata è importante per tutti, entrambi: giovani e vecchi.

Studi precedentemente effettuati, sottolineano che la dieta mediterranea può essere particolarmente utile per prevenire  malattie cardiache e ictus. Ad esempio, una meta-analisi dell’ottobre 2017 in Critical Reviews in Food Science and Nutrition ha rilevato che l’approccio, ed in particolare una dieta ricca di olio d’oliva, verdure, frutta e legumi, può aiutare a proteggere dall’incidenza di malattie cardiache e malattie cardiache.

Come mai la dieta mediterranea influisce più sulla donna che sull’uomo

Come mai la dieta mediterranea influisce piu sulla donnaGli attuali risultati dello studio si basano sui dati sanitari di circa 10.600 uomini e di 12.700 donne in Inghilterra. I partecipanti avevano tra i 40 ei 77 anni e tracciavano i loro pasti con degli appositi diari dove veniva riportata la dieta per tutti i giorni della settimana. Durante il periodo di studio, durato 17 anni, si sono verificati 2.009 ictus.

Le donne nello studio che seguivano in modo preciso una dieta mediterranea hanno confermato un effetto protettivo contro l’ictus indipendentemente dal loro stato di menopausa o se sono state sottoposte a terapia ormonale sostitutiva .

Non è chiaro il motivo per cui abbiamo riscontrato differenze tra donne e uomini, ma potrebbe essere che le componenti della dieta possono influenzare gli uomini in modo diverso rispetto alle donne“, dice il ricercatore capo Phyo Myint, MD , presidente di medicina clinica presso l’Università di Aberdeen School of Medicine in Scozia. “Le differenze che abbiamo riscontrato possono essere dovute a differenze nei fattori di rischio che colpiscono solo le donne o alle differenze nella risposta delle donne per fattori di rischio come alta pressione sanguigna e diabete .

Una recensione pubblicata nel mese di luglio 2017 su Nutrients  suggerisce che le persone che seguono una dieta mediterranea sembrano avere un maggiore apporto di nutrienti che stimolano il cervello come vitamina B12 , vitamina D , ferro, zinco, calcio, acido folico, selenio e iodio , fornendo potenzialmente protezione da malattie come l’Alzheimer, tra le forme più comune di demenza. Una successiva recensione del mese di ottobre 2017 su Nutrients  suggerisce che l’approccio potrebbe anche aiutare a ridurre il rischio di diversi tipi di cancro, incluso il cancro del colon-retto e il cancro al seno .

Gli autori del presente studio hanno anche scoperto che i partecipanti che erano già ad alto rischio di malattie cardiache avevano un rischio complessivo ridotto di ictus del 13%.

Welch rivela che i limiti della ricerca erano legati al fatto che le diete erano valutate solo all’inizio dell’indagine. “Quindi non possiamo escludere la possibilità che le diete delle persone cambino durante il periodo di studio“.

La conferma anche che ai partecipanti mancava la diversità razziale, quindi non c’erano abbastanza dati per capire la relazione tra dieta e infarto per una popolazione ad esempio di colore

La ricerca futura deve indagare perché uomini e donne differiscono in risposta alla dieta mediterranea, e se ciò è dovuto alle differenze nei fattori di rischio che colpiscono solo le donne, o se le donne rispondono in modo diverso ai fattori di rischio come la pressione sanguigna e il diabete ” conferma Welch.

I fattori che possono aumentare il rischio di ictus delle donne anziane includono il fumo, la gravidanza, una storia di preeclampsia / eclampsia o diabete gestazionale , l’uso di contraccettivi orali (specialmente se combinati con il fumo) e la terapia ormonale post menopausale, secondo l’American Stroke Association.

Un ictus si verifica quando il flusso di sangue al cervello è diminuito o completamente interrotto. Questo può essere causato da un coagulo in un vaso sanguigno (ictus ischemico) o da uno scoppio o una perdita in un vaso sanguigno indebolito (ictus emorragico). Privati ​​dell’ossigeno, le cellule cerebrali possono morire, causando una perdita di funzioni come la memoria, la parola e il controllo muscolare.

I contenuti scritti da più autori contemporaneamente vengono pubblicati su Italiaglobale a firma della redazione.

You May Also Like

Garcinia Cambogia, provare per credere nella dieta

Provare non costa nulla, ma se provi e non ci riesci è…

Alcol, abusarne porta persino alla demenza precocemente

I numeri non sono certamente da sottovalutare: si stima che i consumatori…

Meningite, morto al Mayer un neonato di soli due mesi

Purtroppo nelle ultime settimane, nonostante non si possa parlare di epidemia e…