La sonda cinese conferma la presenza di acqua sulla luna

La sonda cinese conferma la presenza di acqua sulla luna

Mentre la presenza di acqua sulla luna è già stata confermata da osservazioni orbitali e analisi di campioni, una misurazione in situ viene ora aggiunta all’elenco delle prove. Resta da vedere l’esatta natura e origine di quest’acqua.

Ci sono pochi che ne dubitano ancora oggi, poiché le osservazioni orbitali e le analisi dei campioni sembrano fornirne la prova.

A fine 2020 la NASA ha addirittura confermato la presenza di molecole d’acqua (H 2 0) sulla superficie del nostro satellite.

Tuttavia, non erano mai state effettuate misurazioni in situ. Oggi le cose sono cambiate, grazie al lander cinese Chang’e 5.

Nel dicembre 2020 era atterrato sulla Luna, a nord dell’Oceano delle Tempeste. Su uno dei basalti più giovani – il sito risale ancora a circa due miliardi di anni – dal nostro satellite.

Con l’obiettivo principale di prelevare campioni e riportarli sulla Terra. Ma prima, ha avuto il tempo di puntare il suo spettrometro mineralogico lunare (LMS) verso la regolite circostante .

Questo strumento che ha permesso di determinare il contenuto d’acqua delle rocce situate nel campo visivo del lander.

Utilizzando le misurazioni della riflettanza spettrale, i ricercatori sono stati in grado di calcolare che, in alcune aree, la regolite può contenere fino a 120 parti per milione ( ppm ) di acqua, sotto forma di idrossile (OH) o d’acqua.

Mentre una roccia che hanno analizzato conteneva anche un po’ di più. Quasi 180 ppm.

I ricercatori spiegano che l’idrogeno necessario per formare l’acqua potrebbe essere stato portato lì dal vento solare.

La roccia potrebbe provenire da un’unità basaltica più antica ed essere stata espulsa lì. Il suo contenuto d’acqua relativamente alto suggerisce una fonte nascosta sotto la superficie.

E se le analisi non consentono di discriminare tra OH e H 2 O, rimangono coerenti con le analisi preliminari dei campioni riportate da Chang’e 5.

fonte@futura-sciences