Boris Johnson: Gli apertivi del venerdì lo mettono nei guai

Boris Johnson Gli apertivi del venerd lo mettono nei guai

Gli aperitivi sono stati organizzati ogni venerdì a Downing Street durante il confinamento, ha affermato sabato il quotidiano The Mirror, ampliando l’elenco delle accuse contro il primo ministro britannico Boris Johnson, la cui posizione sembra sempre più precaria.

Il conservatore 57enne è apertamente criticato nella sua maggioranza e affronta la sua peggiore crisi da quando è salito al potere nel luglio 2019. Mercoledì si è scusato con il Parlamento per la sua presenza a uno di questi party nel maggio 2020 dicendo che pensava fosse un incontro di lavoro.

Ma da allora sono emerse altre rivelazioni, tra cui una festa a Downing Street – senza Boris Johnson – alla vigilia dei funerali del principe Filippo nell’aprile 2021.

Elisabetta II ha assistito al funerale del marito da sola nella cappella del castello di Windsor, un’immagine simbolica del rigore dei confinamenti.

Sabato, il Mirror afferma che ogni venerdì i lavoratori di Downing Street concludevano la loro settimana lavorativa condividendo bicchieri di vino, una ” tradizione di lunga data ” che è continuata nonostante l’introduzione delle restrizioni Covid che vietano tali incontri.

Il giornale aggiunge che il personale aveva investito in un frigorifero per mantenere fresche le proprie bottiglie di alcolici e che il Presidente del Consiglio era a conoscenza di questi raduni.

Un portavoce di Downing Street ha fatto riferimento alle conclusioni di un’indagine condotta da un alto funzionario pubblico che dovrà stabilire se Boris Johnson e i suoi collaboratori abbiano infranto le regole durante i vari eventi.

Ma la rabbia sta crescendo, anche nei ranghi conservatori di Boris Johnson che sta lottando per rimanere al potere. Secondo i giornali, i suoi sostenitori sono stati chiamati a pubblicizzare i suoi successi, inclusa l’attuazione della Brexit, e ad alcuni dei suoi collaboratori verrà chiesto di andarsene.

Il leader laburista dell’opposizione Keir Starmer chiede le sue dimissioni.

Stiamo assistendo al triste spettacolo di un primo ministro impantanato nell’inganno e nell’inganno, incapace di guidare“, ha detto sabato in un discorso.

Ma lui stesso è stato accusato di ipocrisia per le foto che lo ritraevano mentre beveva una birra con un gruppetto di lavoratori laburisti in un ufficio lo scorso maggio, in un momento in cui erano vietate le riunioni al chiuso, se non in ambito professionale.