Linfoma, di cosa si tratta e come si manifesta

redazione

Il linfoma fa parte di un gruppo di tumori del sangue che si verificano nel sistema linfatico. La malattia è un gruppo eterogeneo di tumori che di solito hanno origine dai linfonodi e talvolta da qualsiasi organo. I tumori dei linfonodi sono due sottotipi, linfoma di Hodgkin e linfoma non Hodgkin. Anche questi hanno molti sottogruppi al loro interno. Genetica, immunosoppressione, fattori ambientali, agenti infettivi (virus, batteri), agenti chimici e fisici, radiazioni, chemioterapia, malattie del tessuto collagene, disturbi del sistema immunitario e malattie del sistema immunitario aumentano il rischio di sviluppare linfoma.

Linfoma di cosa si tratta e come si manifesta

Si possono vedere le dimensioni del linfonodo (collo, ascelle, inguine, ecc.), con sintomi quali febbre a 38 gradi e oltre, perdita di peso, sudorazione notturna, prurito cutaneo, debolezza, affaticamento, indulgenza e qualsiasi sintomo dell’organo interessato.

Il linfoma è uno dei tumori che hanno una possibilità di guarigione, cioè che non si ripresenterà dopo il trattamento. È possibile ottenere fino al 95% di successo in alcuni tipi di linfoma con gli attuali trattamenti farmacologici e radioterapici. In alcuni linfomi gravi, è possibile ottenere alte percentuali di successo con il trapianto di cellule staminali.

Alcuni dei sintomi più frequenti sono: Gonfiore che si manifesta senza infezione, soprattutto nella zona del collo, delle ascelle e dell’inguine e continua a crescere, generalmente indolore. Altri sintomi sono la perdita di peso rapida e involontaria che si manifesta nella perdita di circa il 10 percento del peso normale di una persona in un periodo di 6 mesi.

Una causa sottostante non si trova nella stragrande maggioranza dei tumori linfatici che possono verificarsi ovunque arrivi il sangue. Tuttavia, in una piccola percentuale di pazienti con linfoma, le cause sottostanti possono includere precedente esposizione a radioterapia, sostanze chimiche come sostanze contenenti benzene, infezioni virali.

Next Post

Quando l'allergia primaverile può tramutarsi in asma

Con l’arrivo della primavera, si è allergici al polline, il polline che entra nell’organismo provoca la secrezione di alcune sostanze. Con l’espansione e il gonfiore dei capillari del naso e degli occhi emergono i sintomi legati all’allergia primaverile. I sintomi dell’allergia primaverile, comunemente denominati “raffreddore da fieno“, possono variare nella […]
Quando allergia primaverile puo tramutarsi in asma