Marte: Vita aliena darebbe una mano nell’esplorazione dello spazio

redazione

Per molti anni di missioni con equipaggio, gli scienziati hanno cercato altri pianeti e lune che potessero essere adatti alla vita umana. Tuttavia, la maggior parte di loro presenta condizioni molto dure per noi. Il problema può essere risolto con un piccolo aiuto da parte di eventuali vite aliene.

Vita aliena darebbe una mano esplorazione dello spazio

James Green, capo scienziato dell’American National Aeronautics and Space Administration (NASA), ritiene che la scoperta della vita su altri pianeti del Sistema Solare, come Marte, potrebbe consentire ai futuri astronauti di essere geneticamente modificati per poter vivere negli stessi ambienti, Green lo ha detto in un podcast di “Gravity Assist” .

Secondo lo scienziato, studiare la vita che si è evoluta in un ambiente completamente diverso dalla Terra fornirebbe un esempio di come hanno sviluppato meccanismi per sopravvivere in quel determinato ambiente.

se siamo in grado di decifrarlo, se siamo in grado di decifrare il concetto di essere in grado di vivere e crescere usando, usando nuovi cambiamenti nella nostra struttura del DNA che forse altre forme di vita hanno davvero fatto, possiamo andare ovunque nella galassia vogliamo, voglio dire, apre tutto! “, ha affermato il fisico.

Discutendo ulteriormente le possibili conseguenze della scoperta della vita extraterrestre, lo scienziato ha notato che, nonostante il fatto che la vita trovata nell’area del Sistema Solare sarebbe probabilmente microbica, la sua scoperta cambierebbe completamente la visione  del mondo dell’umanità.

Come detto, la vita microbica è la cosa che più probabilmente troveremo nel nostro sistema solare, vita intelligente che potremmo trovare al di fuori del nostro sistema solare, il che significa che la capacità di comunicare con quella vita intelligente potrebbe essere bassa. [.. .] ma sai, anche vedendo che è lì, anche sapendo che è lì, persino guardandolo da lontano, penso che possa avere un enorme effetto su molte cose di vasta portata“, ha detto lo scienziato.

La prossima missione dell’agenzia spaziale americana su Marte è la missione del rover Perseverance, che atterrerà nel cratere Jezero nel febbraio 2021 dopo un viaggio di sei mesi.

La scorsa settimana, la NASA ha affermato di aver ritardato i test del sistema a razzo lunare Artemis I per facilitare una migliore supervisione della gestione sul progetto. L’obiettivo del progetto è riportare gli astronauti statunitensi sulla superficie della Luna entro la fine del 2024. E all’inizio di quest’anno, la NASA ha annunciato i suoi piani di inviare una missione con equipaggio su Marte già nel 2030.

Tuttavia, il CEO di SpaceX Elon Musk ha assicurato all’inizio di dicembre che gli esseri umani  “molto probabilmente” atterreranno su Marte in sei anni, con l’obiettivo di creare una “vera civiltà” sul pianeta. Per Musk, Marte non è un “pianeta B”, ma piuttosto la sua esplorazione fa parte della sua visione dell’umanità come “una specie multi-pianeta e una civiltà che viaggia nello spazio“.

Next Post

New York indaga su violazione distribuzione del vaccino covid-19

I funzionari sanitari dello Stato di New York hanno dichiarato sabato che stanno indagando su un operatore con sede a Brooklyn sospettato di aver violato le linee guida statali per la distribuzione del vaccino COVID-19. ParCare Community Health Network “potrebbe aver ottenuto fraudolentemente il vaccino COVID-19, trasferirlo a strutture in altre […]
New York indaga su violazione distribuzione del vaccino covid-19