Menopausa precoce, esiste un possibile trattamento

redazione

Secondo INSEE, l’età media delle madri al momento del primo parto era di 28,5 anni nel 2015, contro i 24 anni del 1974. Tuttavia, con l’età, le capacità riproduttive sono sempre più limitate. Per alcune donne è addirittura impossibile concepire un figlio a causa della menopausa precoce. Colpisce le donne sotto i 40 anni, ma può manifestarsi prima. In media, il 12,2% delle donne ne è colpito. Come conciliare il desiderio di un bambino e la menopausa precoce? I ricercatori hanno un’ipotesi. Nella North American Menopause Society (NAMS), spiegano di aver trovato un trattamento sperimentale e promettente per ripristinare le funzioni riproduttive in queste donne. 

Menopausa precoce esiste un possibile trattamento

Questo gruppo di ricerca ha condotto uno studio pilota su un piccolo gruppo di partecipanti: hanno ricevuto un’iniezione nelle ovaie di un siero composto da plasma arricchito di piastrine e gonadotropine, ormoni che agiscono sulle ovaie. Undici hanno visto riprendere il loro ciclo ed una di loro era incinta. “Questi primi risultati offrono speranza alle donne in menopausa precoce, che potrebbero rimanere incinte attraverso la fecondazione in vitro dei propri ovuli “, hanno confermato i ricercatori in un comunicato . 

La menopausa è quando l’ovulazione si ferma e quindi la possibilità di rimanere incinta. Un vero e proprio sconvolgimento ormonale, può generare diversi sintomi, più o meno invalidanti, come disturbi del sonno, stanchezza o vampate di calore. Aumenta il rischio di sviluppare alcune malattie, come l’osteoporosi o le patologie cardiovascolari. Quando è precoce, la menopausa precoce può essere dovuta alla genetica o in seguito a un trattamento farmacologico come la chemioterapiao radioterapia. Finora, i tentativi di trattamento per ripristinare la fertilità di queste donne si sono rivelati infruttuosi: stimolazione ovarica, iniezione di plasma arricchito di piastrine, ecc. Pochi di questi metodi hanno consentito alle donne di rimanere incinte e di portare a termine le loro gravidanze. Per gli autori di questa nuova sperimentazione, questa nuova tecnica è promettente, anche se saranno necessari altri studi per confermare questi primi incoraggianti risultati.

Next Post

Nasa rilevati raggi X provenienti da Urano

Gli astronomi della Nasa hanno scoperto raggi X provenienti da Urano. I risultati della loro ricerca potrebbero aiutare a comprendere meglio la natura di questo gigante di ghiaccio. Urano è uno dei pianeti meno conosciuti del sistema solare. Finora, l’unica sonda che è passata nelle vicinanze è stata la Voyager […]
Nasa rilevati raggi X provenienti da Urano