Osteoporosi e salute delle ossa, una donna su tre in pericolo

Osteoporosi e salute delle ossa una donna su tre in pericolo

Una donna su tre di età superiore ai 50 anni subirà una frattura osteoporotica a un certo punto e la menopausa è correlata alla malattia.

L’osteoporosi è una malattia metabolica in cui le ossa si indeboliscono. Il nome: osteoporosi, spiega già di per se come se le ossa diventano più porose, quindi più deboli, al punto da rompersi più facilmente.

Contrariamente a quanto solitamente immaginiamo, le ossa sono, per definizione, porose. Composte da una matrice in cui si depositano complessi minerali, come il calcio, e complessi organici, come il collagene, le ossa sono sempre in “manutenzione”.

Cioè, subendo un processo di ricomposizione, dall’assorbimento e rinnovamento delle cellule (osteoblasti e osteoclasti) e del collagene. Questo è ciò che permette il recupero quando subiamo una frattura.

Con l’avanzare dell’età, questo mantenimento diventa sempre più lento e la capacità di assorbire questi complessi inizia a ridursi. Risultato: lo scheletro diventa progressivamente più poroso, perde resistenza agli sforzi e diventa più suscettibile alle fratture.

foto@BodyParts3D/Anatomography, CC BY-SA 2.1 JP, via Wikimedia Commons

Ecco perché le persone anziane tendono a subire più lesioni al polso, alla colonna vertebrale e ai fianchi, a volte causate da piccoli impatti come uno starnuto o un attacco di tosse, ad esempio.

La progressione della perdita ossea funziona più o meno come segue: l’osteoblasto forma la massa ossea e l’osteoclasto la riassorbe.

Fino all’età di 35 anni, costruiamo il nostro scheletro. Dai 35 ai 45 anni di età, il rapporto tra le cellule formanti (osteoblasti) e quelle che riassorbono il tessuto osseo (osteoclasti) è equilibrato.

Dopo i 45 anni, le cellule che riassorbono l’osso diventano più attive di quelle che lo ricostruiscono e iniziamo a perdere parte del nostro scheletro. Questa perdita raggiunge più o meno lo 0,5% all’anno, il che significa che, in 20 anni, perdiamo il 10% della massa ossea. Questo, tuttavia, è considerato normale.

Tuttavia, le donne in post- menopausa, ad esempio, possono subire un’usura più rapida e quando la perdita compromette il 25% della massa ossea, vengono classificate come affette da osteoporosi, una malattia che lascia le ossa deboli e soggette a fratture. Perdite dal 10% al 15% caratterizzano l’osteopenia, uno stato di perdita ossea prima dell’osteoporosi che avverte i medici della necessità di misure preventive.

L’osteoporosi colpisce più le donne che gli uomini

La menopausa è responsabile della più alta incidenza della malattia tra le donne. La menopausa si verifica intorno ai 50 anni, quando il livello degli ormoni femminili diminuisce.

L’estrogeno, uno di questi ormoni, svolge un ruolo importante nel rafforzamento delle ossa. Senza questo ormone, le ossa di una donna in postmenopausa alla fine si indeboliscono.

Poiché gli uomini non attraversano un processo simile alla menopausa, l’osteoporosi può verificarsi negli uomini, ma è più rara e si verifica più tardi, intorno ai 70 anni.

I sintomi dell’osteoporosi

In generale, l’osteoporosi è asintomatica nelle fasi iniziali. Nelle fasi in cui si manifesta, il dolore è direttamente associato al luogo in cui si è verificata la frattura o l’usura ossea.

Le fratture, sintomo principale della malattia, compaiono solitamente solo in uno stadio più avanzato, quando l’osso è già così debole da non poter sopportare traumi o sforzi.