Russia vaccina cinquemila volontari contro il covid-19

redazione

La Russia vaccina 5.000 volontari contro il COVID-19 poiché la capacità dell’ospedale si avvicina al 90%.

Migliaia di volontari in Russia hanno ricevuto il vaccino contro il coronavirus sviluppato da un centro di ricerca statale nell’imminente prospettiva di una grave carenza di letti ospedalieri.

I volontari, che includevano un numero imprecisato nella categoria a rischio, sono stati somministrati con il vaccino Sputnik V sviluppato dal centro di ricerca Gamaleya fuori Mosca e rivelato con molto clamore ad agosto.

Ad oggi, più di 5.000 cittadini sono stati vaccinati con il vaccino Sputnik V come parte di studi clinici e circolazione civile“, ha detto il capo di Gamaleya Alexander Gintsburg, secondo l’agenzia di stampa statale RIA Novosti.

Non sono stati registrati casi di reazioni avverse ed effetti collaterali diversi da quelli descritti nelle istruzioni“, ha aggiunto Gintsburg.

Con il primo di 5.000 volontari vaccinati il ​​9 settembre, i risultati provvisori potrebbero essere pubblicati già il 21 ottobre, ha riferito la Reuters. Gli sviluppatori di altri paesi stanno conducendo prove nella fase finale ma non hanno pubblicato alcun risultato provvisorio.

Martedì, Gintsburg ha difeso lo sviluppo del vaccino contro le affermazioni secondo cui sarebbe stato lanciato troppo rapidamente, dicendo all’agenzia Reuters: “Le persone stanno morendo proprio come durante una guerra“.

Russia vaccina cinquemila volontari contro il covid-19

Ha detto che i volontari sarebbero stati monitorati per sei mesi dopo la vaccinazione dell’ultimo dei 40.000 partecipanti con i risultati finali da pubblicare su una rivista internazionale.

Nel frattempo, Alla Samoylova, capo della guardia sanitaria statale russa Roszdravnadzor, ha affermato che non è stato registrato alcun deterioramento della salute dei volontari.

Secondo il Moscow Times, le sperimentazioni di fase 3 del vaccino vettoriale a base di adenovirus distribuito in due dosi dovrebbero terminare entro maggio 2021 . La Russia condividerà i risultati preliminari della sua sperimentazione sul vaccino basata sulle prime sei settimane di monitoraggio dei partecipanti, il che potrebbe renderlo il primo paese al mondo a farlo.

Se si dimostrerà efficace, il vaccino potrebbe arrivare giusto in tempo per evitare una carenza di posti letto negli ospedali russi.

Martedì, l’assistente del ministro della salute russo Alexei Kuznetsov ha affermato che quasi i nove decimi dei letti negli ospedali del paese sono stati occupati.

Attualmente, 129.750 posti letto sono distribuiti per i pazienti con COVID-19, di cui 115.500 sono occupati, che è l’89 per cento“, ha detto Kuznetsov, secondo Tass.

Tuttavia, il ministero della salute ha affermato che durante il corso della pandemia, il numero di letti è stato aumentato a 184.000 e che i letti per i pazienti con altre condizioni potrebbero essere liberati per accogliere il numero crescente di malati di COVID-19.

Martedì, ci sono stati 8.232 nuovi casi di Covid-19, portando il numero ufficiale di casi in Russia a 1.167.805 mentre le infezioni continuano ad aumentare, secondo le statistiche del governo. Le scuole a Mosca rimarranno chiuse per due settimane in ottobre per rallentare la sua diffusione nella capitale, epicentro del Paese della pandemia.

fonte@NewsWeek.com

Next Post

California emana nuova legge dopo incidente di Kobe Bryant

Il governatore della California, Gavin Newsom, ha firmato una nuova legge in vigore, voluta anche dalle foto presumibilmente scattate dell’incidente mortale di Kobe Bryant. Newsom ha firmato l’AB 2655, impostato per vietare ai primi soccorritori di scattare fotografie di persone decedute “al di fuori delle mansioni lavorative” – ​​secondo il […]
California emana nuova legge dopo incidente di Kobe Bryant