Scienziati rivelano: meno galassie nell’universo di quante credevamo

redazione

Mentre la NASA aveva precedentemente stabilito che c’erano circa due trilioni di galassie nell’universo, nuove scoperte affermano che il numero è più probabile di centinaia di miliardi.

Il mondo esterno, o l’universo in questo caso, è appena diventato un po’ più chiaro. Gli scienziati hanno recentemente fatto un’immersione profonda in alcuni avvistamenti insoliti nel sistema solare e le loro scoperte hanno a che fare con tutto, dal numero effettivo di galassie nell’universo ai tipi di stelle intorno a noi. Nell’aprile 2020, la NASA ha rilevato per la prima volta un enorme bagliore dai suoi satelliti che sono passati da Marte, e mentre questo avvistamento intergalattico è durato solo 140 millisecondi, un team di ricerca dell’Università di Johannesburg ora sa che si trattava di un’esplosione di una magnetar, che è una potente stella di neutroni con un campo magnetico.

Scienziati rivelano meno galassie ne universo di quante credevamo

Soebur Razzaque, professore presso l’Università di Johannesburg, ha osservato che questo avvistamento non è troppo improbabile poiché ci sono decine di migliaia di stelle di neutroni nella Via Lattea, ma ce ne sono ancora solo 30 che sono state scoperte come magnetar. “Le magnetar sono fino a mille volte più magnetiche delle normali stelle di neutroni“, ha spiegato. “La maggior parte emette raggi X di tanto in tanto. Ma finora, sappiamo solo di una manciata di magnetar che hanno prodotto bagliori giganti. Il più luminoso che abbiamo potuto rilevare è stato nel 2004“. È possibile che se ne venga individuato un altro vicino alla Via Lattea, che un radiotelescopio, come il MeerKAT in Sud Africa, i ricercatori possono imparare ancora di più sul funzionamento interno di alcune delle forze più potenti nello spazio. “Sarebbe un’ottima opportunità per studiare la relazione tra emissioni di raggi gamma di energia molto elevata e emissioni di onde radio nella seconda esplosione“, aggiunge Razzaque. “E questo ci direbbe di più su cosa funziona e cosa non funziona nel nostro modello“.

Quando si tratta dello spazio esterno nel suo insieme, i ricercatori sono stati impegnati a scoprire più che semplici stelle. Un nuovo studio sull’Astrophysical Journal ha scoperto che in realtà potrebbero esserci meno galassie di quanto si pensasse in precedenza; questi risultati derivano dal team che misura il debole bagliore di fondo di galassie invisibili: “È un numero importante da sapere: quante galassie ci sono? Semplicemente non vediamo la luce da due trilioni di galassie“, ha detto Mark Postman, ricercatore dello Space Telescope Science Institute e autore principale dello studio.

Dopo aver svolto ulteriori ricerche, il team ha scoperto che la sonda New Horizon della NASA ha rilevato solo centinaia di miliardi di galassie invece di duemila miliardi. Le stime precedenti sono state trovate dal telescopio spaziale Hubble della NASA, ma Hubble utilizza principalmente modelli matematici per scoprire galassie a causa dell’incapacità del telescopio di vedere abbastanza nella luce visibile a causa dell’inquinamento spaziale. Ci sarà ancora uno studio di follow-up per confermare questi risultati, però: “Il prossimo James Webb Space Telescope della NASA potrebbe essere in grado di aiutare a risolvere il mistero“, ha condiviso il team in una dichiarazione. “Se deboli, le singole galassie sono la causa, le osservazioni in campo ultraprofondo di Webb dovrebbero essere in grado di rilevarle“.

Next Post

Olio di CBD: dalla cucina alla cosmesi, un toccasana per la nostra salute

Di CBD e prodotti a base di CBD si sente parlare sempre più spesso, e il motivo è molto semplice. Molte ricerche negli ultimi anni hanno portato alla luce alcuni benefici non da poco di questo composto ricavato dalla pianta di cannabis, contribuendo di conseguenza alla sua diffusione. Secondo quanto […]
Olio di CBD dalla cucina alla cosmesi