Olio di CBD: dalla cucina alla cosmesi, un toccasana per la nostra salute

redazione

Di CBD e prodotti a base di CBD si sente parlare sempre più spesso, e il motivo è molto semplice. Molte ricerche negli ultimi anni hanno portato alla luce alcuni benefici non da poco di questo composto ricavato dalla pianta di cannabis, contribuendo di conseguenza alla sua diffusione. Secondo quanto emerso infatti, il CBD costituirebbe un valido aiuto per la cura di alcuni disturbi, come ansia, stress, o insonnia, oltre che essere più in generale un alleato per il benessere del nostro corpo. Come potrai approfondire a questo link infatti, le applicazioni dell’olio di CBD sono moltissime, dalla cucina alla preparazione di prodotti di cosmesi. Vediamo insieme quali sono le principali.

CBD: cos’è e come si ottiene

Abbiamo detto che quello del CBD è un mondo che solamente negli ultimi tempi grazie ad alcuni studi è stato oggetto di una reale esplorazione. Il CBD è una sostanza ricavata dalla pianta di canapa sativa, esattamente come il THC, altro composto noto della medesima pianta, ma che deve la sua fama ad altre motivazioni. Seppur condivida alcuni effetti benefici con il CBD infatti, il THC causa alterazioni psico-fisiche ai soggetti che lo assumono, come alterazioni del battito cardiaco, della pressione sanguigna, e della coscienza.

Olio di CBD dalla cucina alla cosmesi

Il CBD invece preserva gli effetti benefici ma è privo delle suddette conseguenze per il fisico. L’olio di CBD dunque, è un olio che viene estratto da una pasta detta di cannabidiolo, al quale in un secondo momento viene aggiunta un’altra tipologia di olio al fine di diluire il tutto. Tra quelli maggiormente utilizzati troviamo l’olio di oliva, di cocco, o di canapa. Questa miscela è utile per migliorare l’assimilazione del CBD, che trattandosi di un composto liposolubile necessita appunto di essere sciolto con ulteriori sostanze grasse.

Gli utilizzi dell’olio di CBD

Come anticipato l’olio di CBD può essere utilizzato in più modi. Il primo e più basilare prevede l’assunzione di olio di CBD come integratore naturale al 100%. Questo è possibile grazie al fatto che è particolarmente ricco di alcuni acidi grassi essenziali. Tra i principali ricordiamo l’Omega 3 e l’Omega 6, sostanza di cui purtroppo le nostre diete sono spesso particolarmente carenti. Ma non finisce qui. Il CBD è famoso anche per le sue proprietà rilassanti, senza dimenticare l’effetto energizzante per il nostro organismo.

L’olio di CBD inoltre, è un ottimo ritrovato per alzare il livello delle difese immunitarie, grazie anche alle sue capacità rigenerative per le cellule del corpo. Ciò è possibile perché il CBD riesce ad interagire con il sistema endocannabinoide, e soprattutto con i recettori CB1, ovvero quelli che hanno il potere di regolare le sensazioni di appetito, di dolore, l’umore e persino la memoria. L’olio di CBD può essere utilizzato anche per contrastare gli effetti delle infiammazioni e per alleviare alcune tipologie di dolori, compresi quelli di natura cronica.

Il CBD infatti, interagisce con i recettori endocannabinoidi che sono in grado tra l’altro di regolare la percezione del dolore. In altre parole, il CBD svolge il ruolo di rilassante muscolare, ed ha il potere di donare sollievo da dolori di diverso tipo. Ciò significa che assumendo qualche goccia di olio di CBD regolarmente ogni giorno, è possibile godere dei benefici del composto per alleviare dolori muscolari, emicranie, dolori da sindrome mestruale, infiammazioni articolari, e molto altro ancora.

Il CBD inoltre, è noto per le sue proprietà antiossidanti. In parole povere, inibisce l’ossidazione, ovvero quel processo chimico che genera i radicali liberi. Questi hanno il potere di danneggiare le cellule perché ne causano l’invecchiamento precoce. I radicali liberi possono formarsi per svariate ragioni, alcune di natura interna dovute alla produzione di “scarti” dei processi metabolici. Altre invece sono cause esterne, come il fumo, lo stress, o una cattiva alimentazione.

Anche in questo caso, mettendo quotidianamente qualche goccia di olio di CBD sotto la lingua è possibile godere delle proprietà antiossidanti del CBD sotto il profilo sistemico. Per azioni maggiormente mirate però, è possibile ricorrere a prodotti specifici per applicazioni locali a base di olio di CBD. In commercio possiamo trovare numerosi prodotti, come balsami e unguenti, che hanno il potere di penetrare più in profondità nella pelle, svolgendo di conseguenza un’azione mirata.

Infine, ma non da ultimo, l’olio di CBD può essere utilizzato anche per limitare gli effetti dovuti all’ansia e allo stress, nonché per combattere gli attacchi di panico, e tutta una serie di disturbi del sonno. In quest’ultima situazioni i vantaggi per il soggetto che assume l’olio di CBD sono davvero numerosi, perché un sonno migliore permette anche una qualità di vita più alta. Tutto questo è possibile grazie alle proprietà rilassanti del CBD

I dosaggi dell’olio di CBD

Nonostante i numerosi studi condotti negli ultimi anni sul CBD, allo stato attuale delle cose ancora non esistono delle indicazioni precise in merito ai dosaggi. Questo anche perché la risposta che un determinato organismo può avere si dimostra spesso differente da quella di un altro. Senza dimenticare che anche la tipologia di disturbo a cui porre rimedio incide chiaramente sul risultato finale. Ciò significa che un individuo che magari ha problemi d’insonnia potrebbe necessitare solamente di poche gocce di olio di CBD.

Al contrario, per altri soggetti, lo stesso quantitativo potrebbe non risultare sufficiente anche solamente per addormentarsi. In linea di massima però, possiamo dire che è consigliabile cominciare con dosi modeste, comunque comprese tra le due e le quattro gocce messe sotto la lingua, ed eventualmente aumentare il dosaggio in maniera graduale fino ad ottenere il risultato desiderato. Per utilizzi terapeutici invece, il consiglio rimane sempre quello di rivolgersi al proprio medico curante per indicazioni più dettagliate.

Nonostante queste premesse però, vogliamo ricordare ancora una volta che il cannabidiolo è privo di qualsiasi effetto psicoattivo, e che di conseguenza non è in grado di alterare i parametri fisiologici come battito cardiaco o pressione sanguigna. Ciò significa che dosaggi più alti di quelli consigliati, magari protratti a lungo nel tempo, sono comunque da considerarsi sicuri, privi di rischi, dunque ben tollerati dall’organismo.

Dove acquistare l’olio di CBD

I prodotti a base di CBD stanno conoscendo una grande popolarità negli ultimi anni, e tra questi a rivestire il ruolo di protagonista c’è sicuramente l’olio di CBD. Inutile sottolineare come tutto questo interesse della comunità scientifica abbia destato anche l’attenzione dei consumatori, e di conseguenze quella del mercato. Per questo motivo sono nati moltissimi negozi in ogni città e sul web. Non tutti però possono essere considerati dello stesso livello per svariate ragioni, tra cui la qualità dei prodotti commercializzati.

Una realtà che su altre è stata in grado però di distinguersi in breve tempo è Justbob, shop online specializzato proprio in prodotti a base di CBD, tra cui l’olio di CBD, che in breve tempo ha conquistato una grossa fetta di mercato. Notevole l’assortimento, esattamente come la sua qualità, grazie anche alle necessarie certificazioni sulla filiera di produzione.

Next Post

California: Primo stato americano a registrare 3 milioni di contagi

La California lunedì è diventata il primo stato a registrare più di 3 milioni di infezioni da coronavirus conosciute. Il tragico traguardo, come rilevato dalla Johns Hopkins University, non è stato del tutto inaspettato in uno stato con 40 milioni di residenti, ma la sua velocità è sbalorditiva. Lo stato ha […]
California Primo stato americano a registrare 3 milioni di contagi