Terracina, braccianti minacciati persino con le armi
Terracina braccianti minacciati persino con le armi

Negli anni abbiamo avuto modo di parlare più volte della terribile piaga del caporalato: migliaia di persone, oggi in gran parte stranieri irregolari e senza documenti, sfruttate fino alla morte, senza alcun diritto, pagati poche lire dopo aver passato fino a 18 ore consecutive nei campi.

Una piaga che spesso si fa finta di non vedere, e proprio questo porta fino agli eccessi che la cronaca odierna ci racconta: lavoratori minacciati persino con le armi, per rendere di più.

Incredibile ma vero: un uomo, un imprenditore agricolo, è stato arrestato dagli agenti del Commissariato di Terracina (Latina), perché sparava addirittura contro i suoi braccianti, per “spronarli”.

Secondo le indagini, i suoi lavoratori sono stati ripetutamente minacciati  e aggrediti dal loro capo. All’ennesimo licenziamento di un operaio, si è presentato nell’alloggio dei braccianti sparando e puntando loro l’arma alla gola. 

Negli anni, l’indagato avrebbe costretto braccianti agricoli di nazionalità indiana a lavorare in condizioni disumane, aiutato da alcuni caporali impegnati nella sorveglianza nei campi. 

L’uomo ora sarà processato per sfruttamento del lavoro, minaccia aggravata con l’utilizzo di arma da fuoco (un fucile a pompa), lesioni personali, detenzione abusiva di munizionamento, omessa denuncia di materie esplodenti, avendo sottoposto manodopera (braccianti agricoli di nazionalità indiana) a condizioni lavorative degradanti nonché corrispondendo loro retribuzioni difformi dalla normativa vigente.

foto@PxHere

You May Also Like

Roma, la capitale sempre più centro tecnologico

Roma, straordinaria capitale d’Italia, sta diventando sempre più centro tecnologico. La città…

Stare troppo seduti influenza il nostro cervello

Forse è il caso di abbandonare la sedia della nostra scrivania, forse un…

Eurostat, sono gli islandesi quelli che lavorano di più

Eurostat: gli islandesi sgobbano di più. Fanalini di coda della classifica sono…