Tre milioni di galassie sono state mappate in 300 ore

redazione

Un potente telescopio è al centro di discussioni scientifiche in Australia, riuscendo a mappare vaste aree dell’universo in tempi da record, svelando un milione di nuove galassie e aprendo la strada a nuovi misteri dell’universo, secondo uno studio pubblicato martedì sulla rivista Pubblicazioni della Astronomical Society of Australia .

Chiamato Australian Square Kilometre Array Pathfinder (ASKAP), il telescopio ha mappato in modo efficiente circa tre milioni di galassie in sole 300 ore. Sono stati necessari fino a 10 anni per completare indagini simili del cielo notturno.

È davvero un punto di svolta“, ha detto David McConnell, un astronomo che ha guidato l’Organizzazione per la ricerca scientifica e industriale del Commonwealth (CSIRO) nello studio del cielo meridionale sopra l’Australia occidentale, presso il Murchison Radioastronomy Observatory.

La singolare importanza di questo telescopio è il suo campo visivo incredibilmente ampio: utilizza ricevitori progettati da CSIRO, che gli consentono di scattare immagini panoramiche del cielo con dettagli più nitidi rispetto al passato.

Tre milioni di galassie sono state mappate in 300 ore

La schiera di telescopi con sede in Australia doveva fondere 903 immagini per mappare il cielo. Comparativamente, altri sondaggi radio all-sky richiedono decine di migliaia di immagini per realizzarlo.

È più sensibile delle precedenti indagini che hanno coperto l’intero cielo in questo modo, quindi vediamo più oggetti di quanti ne siano stati visti in passato“, ha detto McConnell, all’agenzia Reuters.

Una schiera di telescopi pronta a rilevare il cielo in settimane o mesi invece che in decenni significa che il processo può ripetersi ancora e ancora in frammenti di tempo incredibilmente brevi, consentendo agli astronomi di individuare e tracciare sistematicamente i cambiamenti sulle scale temporali umane, anziché cosmiche.

Anche con questo primo passaggio che abbiamo in questo momento, rispetto alle immagini precedenti, abbiamo già trovato alcuni oggetti insoliti“, ha detto McConnell, inclusa una collezione di stelle note per sperimentare episodi di “esplosioni violente“,  riferisce Al Jazeera .

McConnell ha detto che i dati appena raccolti da questo sondaggio consentirebbero agli astronomi di comprendere meglio come si formano le stelle e come si evolvono i buchi neri e le galassie intorno a loro, utilizzando analisi statistiche.

Quasi tutti sanno che l’universo è vasto, il che significa che non c’è carenza di spazio cosmico da esplorare. L’array ASKAP australiano ha aggiunto ordini di grandezza al ritmo di mappatura delle galassie , un compito per il quale la dimensione dell’array conta davvero.

Next Post

Coronavirus: La Cina da il via al vaccino su larga scala

I governi provinciali di tutta la Cina hanno dato il via ai vaccini sperimentali contro il coronavirus sviluppati internamente, anche se i funzionari sanitari devono ancora dire quanto bene funzionano o come possono raggiungere gli 1,4 miliardi di persone del paese. Gli sviluppatori stanno accelerando i test finali, ha detto il ministro degli esteri cinese durante una […]
Coronavirus La Cina da il via al vaccino su larga scala