Treni, ieri la circolazione ferroviaria è stata messa in ginocchio

Per chi ieri, suo malgrado, aveva necessità di spostarsi da nord a sud del paese, e viceversa, in treno è stata una giornata veramente drammatica: la circolazione ferroviaria è stata infatti interrotta o comunque estremamente rallentata per molte ore, con disagi non da poco per i passeggeri.

Nello specifico, dalle 5:40 alle 8:00 di ieri è stata sospesa la circolazione ferroviaria fra Rovezzano e Firenze Campo Marte sulle linee Direttissima e convenzionale fra Roma e Firenze, a causa di tre incendi dolosi che hanno interessato una cabina elettrica dell’Alta Velocità e due “pozzetti”.

Questo ha provocato ritardi fino a 240 minuti, ma anche disguidi che a catena poi sono continuati per tutta la giornata.

L’incendio, che è avvenuto all’altezza della stazione di Rovezzano, è di natura dolosa. Lo comunica Rete ferroviaria italiana secondo cui “dai primi accertamenti, il principio del rogo agli impianti che gestiscono la circolazione dei treni è stato causato da un atto doloso a opera di ignoti”. 

Per questo danneggiamento, la procura di Firenze ha aperto un fascicolo e stanno indagando Digos e Polfer. 

In tutta la giornata sono stati cancellati 42 treni alta velocità sia di Trenitalia sia di Italo. Italo ha annunciato che rimborserà o modificherà i biglietti dei viaggiatori rimasti bloccati  nel caos fino a mercoledì 24 alle ore 23:00. Trenitalia rimborserà totalmente i biglietti ai viaggiatori con più di tre ore di ritardo. Rimborso integrale anche per i passeggeri dell’Alta velocità che hanno rinunciato al viaggio e che sono stati interessati dal blocco del traffico.

You May Also Like

Berlusconi, centro destra vince al primo turno

Per Silvio Berlusconi il centro destra deve vincere al primo turno. In…

Unioni Civili, Bagnasco: fare più figli con un padre e una madre

Unioni Civili, Bagnasco parla di “deriva liberista” e suggerisce di fare più…

Cassazione, annullata incredibile sentenza di assoluzione per uno stupro

Della vicenda, qualche settimana fa, ce ne eravamo occupati anche noi, sollevando…