Un adulto su tre assume farmaci che portano alla depressione?
Un adulto su tre assume farmaci che portano alla depressione

Un adulto su tre assume farmaci che avrebbero la depressione come potenziale effetto collaterale, lo rivela un recente studio del Journal of American Medical Association che mostra come le persone che prendono più di uno di questi farmaci allo stesso tempo sono a più alto rischio di depressione.

Soprattutto le persone che assumono più farmaci da diversi fornitori“, ha detto Hailey Tyler, direttore del Behavioral Health Crisis Center, sottolineando che a volte quando le persone vedono più medici, i farmaci che inizialmente venivano assunti possono essere dimenticati quando viene prescritto qualcosa di nuovo.

Se un fornitore non sa che cosa sta dando un altro fornitore, non c’è modo di sapere quale tipo di effetti collaterali potrebbero esserci“, ha sottolineato Tyler. Lo studio ha esaminato 26.192 adulti che stavano assumendo farmaci al momento dell’esame. Ogni partecipante ha completato uno screening sulla depressione, che comprendeva domande su umore, abitudini del sonno e appetito.

Circa il 15% dei partecipanti che hanno usato contemporaneamente tre o più di questi farmaci erano depressi, di contro, solo il 5% di coloro che non usavano nessuno dei farmaci mostrava sintomi di depressione.

Un ulteriore studio recente del Centers for Disease Control mostra che il tasso di suicidio di è aumentato del 43% dal 1999. “Stiamo assistendo a questi enormi aumenti drammatici nel suicidio, quindi uno studio come questo è benvenuto“, ha dichiarato Larry Manring, direttore esecutivo del Center for Hope. “Quando vengono fuori studi come questo, ci sono utili a fornire un’altra strada da esplorare ed esaminare se forse queste sono alcune delle cause“.

Mentre lo studio JAMA, pubblicato martedì, non dimostra in modo ufficiale che i farmaci siano causa diretta di depressione, è importante comunque prendere precauzioni. “Penso che l’importante sia parlare con un medico che ti sta a cuore e di essere aperto e onesto su tutti i diversi farmaci che si stanno assumendo, prendersi un po ‘di tempo per sedersi e dire okay, quali sono i potenziali effetti collaterali?” ha confermato Manring.

Ci sono più di 200 farmaci come le pillole anticoncezionali che hanno la depressione come potenziale effetto collaterale, ma per alcune persone i benefici superano i rischi.

Che cosa è più pericoloso? Avere un possibile rischio di depressione, o avere ipertensione incontrollata? Pressione sanguigna alta o problemi cardiaci?” ha confermato il dottor Joe Brown, Pharm-D della Teton Pharmacy. “Ci sono rischi per i farmaci e bisogna valutare i rischi rispetto ai benefici di loro“.

Altri farmaci che sono elencati nello studio includono inibitori come (PPI) (usati per trattare il reflusso acido), farmaci ansiogeni, ACE-inibitori (usati per trattare l’ipertensione), beta-bloccanti (usati per trattare l’ipertensione) e anticonvulsivi.

I contenuti scritti da più autori contemporaneamente vengono pubblicati su Italiaglobale a firma della redazione.

You May Also Like

Vaiolo: come si arrivò a sconfiggerlo

Il vaiolo è una delle peggiori malattie del passato, di origine infettiva,…

Tumore? Lo scopri in 10 minuti con il test della saliva

Il test della saliva può accertare in soli 10 minuti la presenza…

Tumore al seno, donne coraggiose raccontano la propria lotta

Nel 2017, in Italia, sono state 50.500 le nuove diagnosi di tumore…