App Magnus, l’arte non ha più segreti

Eleonora Gitto

App Magnus, l’arte non ha più segretiArriva l’app Magnus che svela i segreti delle opere d’arte.

A creare l’app è stato un appassionato d’arte tedesco: Magnus Resch. Il trentunenne che ha dato all’applicazione il suo nome, ha studiato business a Harvard e alla London School of Economics.

Poi ha conseguito il dottorato con una ricerca sul mercato dell’arte all’Università di San Gallo in Svizzera. Resch è un imprenditore con un amore smisurato per l’arte. Non a caso a soli venti anni ha aperto la sua prima galleria.

L’intraprendente tedesco, dunque, aveva tutte le carte in regole per creare un’app dedicata all’arte. La tecnologia di Magnum è simile a quella dell’app Shazam.

Come quest’ultima, infatti, anche Magnus si basa su un riconoscimento digitale. E come Shazam solo “ascoltando” un brano riesce a dire all’utente titolo e altre informazioni su di esso, così Magnus “guardando” un’opera d’arte è in grado di rivelare all’utente tutto su questa, dall’autore al prezzo.

L’app è gratuita. Una volta scaricata, si deve semplicemente scattare con il proprio smartphone una foto dell’opera che ci interessa, quadro o scultura che sia, e il gioco è fatto. Le opere che al momento Magnus è in grado di riconoscere sono otto milioni.

L’app ha richiesto tre anni di tempo per la sua realizzazione e al momento funziona solo a New York. A breve sarà disponibile anche a Londra e Berlino e, in seguito, anche in molte altre città.

Next Post

Gas esilarante, il nuovo anestetico per un parto felice

Addio epidurale, in sala parto entra un nuovo anestetico che si inala e rende felici. E’ una sorta di gas esilarante quello che da oggi in poi si userà per partorire. Si tratta del protossido d’azoto che, se mescolato in parti uguali con l’ossigeno, si trasforma in un ottimo analgesico, […]
Gas esilarante: il nuovo anestetico per un parto felice