Aspirina, utile per prevenire i tumori gastrici

La normale aspirina è utile per prevenire delle particolari tipologie di tumori, lo rivela uno studio dell’Università di Hong Kong.

Lo studio coordinato da Kelvin Tsoi, è stato ufficialmente presentato durante la United European Gastroenerology in quel di Barcellona, si parla di un’incidenza, relativa appunto alla particolare tipologia di tumori dell’apparato digerente, per il 47%.

aspirina previene tumori gastriciParliamo naturalmente dell’aspirina classica, se utilizzata ovviamente per lungo tempo, lo studio dell’Università di Hong Kong conferma quello che per anni era già stato analizzato, in questo caso le percentuali parlano di un 47% di incidenza per i tumori legati all’apparato digerente (fegato ed esofago), di un 38% per quelli allo stomaco, del 34% per quelli al pancreas e del 24% al colon-retto.

Kelvin Tsoi e il suo team, hanno seguito un campione di 600mila soggetti confrontandoli con chi non aveva praticamente mai fatto uso di aspirina da anni, con chi invece la utilizzava in modo continuativo, c’è da dire però che lo studio se da un lato conferma l’incidenza per determinate tipologie di tumori, dall’altro nega la possibilità che l’aspirina possa prevenire altra tipologia come quella del cancro al seno, del mieloma multiplo e di quello ai reni.

Lo spiega anche Giordano Beretta responsabile dell’Oncologia Medica di Humanitas Gavazzeni di Bergamo:

“La possibilità che l’assunzione prolungata dei farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans), come l’aspirina, riducano l’incidenza dei tumori gastrici, primo tra tutti il cancro al colon, in realtà è nota da tempo. Quindi questi dati erano in parte già conosciuti. Va inoltre detto che le popolazioni orientali possono avere una risposta ai farmaci completamente diversa da quella degli occidentali, perché diversa è l’attività enzimatica”.

Lo studio è andato avanti per un periodo di 10 anni, confermando dunque che l’aspirina ha un ruolo molto importante nella prevenzione.

redazione

I contenuti pubblicati dalla redazione di Italiaglobale.