Brad Pitt non riesce a riconoscere le persone dal volto

redazione

Se è vero che i soldi non possono comprare la salute, è altrettanto vero che i soldi permettono l’accesso a cure migliori, ad ospedali più attrezzati, a professionisti più “disponibili”, che anche giustamente hanno competenze molto elevate e le mettono a disposizione a prezzi proibitivi.

Ma allo stesso tempo esistono patologie, più o meno gravi e limitanti, che comunque purtroppo ancora non hanno una cura, nonostante tutti i soldi del mondo.

A raccontarlo Brad Pitt, che ha rivelato di soffrire di un raro disturbo per cui non riconosce i volti delle persone.

L’attore soffre di prosopagnosia, meglio nota anche con il nome di cecità facciale, una malattia che rende pressoché impossibile ricordare i tratti e i lineamenti delle persone, al punto da non saperle riconoscere.

Brad Pitt non riesce a riconoscere le persone dal volto
Brad Pitt (Foto@Wikimedia)

Riguardo questo disturbo, Brad Pitt ha detto: “Mi odiano moltissime persone perché pensano che la mia sia una mancanza di rispetto. Un anno mi ero deciso ad affrontare la cosa, chiedendo alle persone ‘okay, ci conosciamo?’, ma le cose sono andate anche peggio. Le persone erano ancora più offese, ti prendevano per egoista. Per me è un mistero. Non riesco ad afferrare un volto”.

“Non ci sono cure vere e proprie che possano portare ad una completa guarigione. Ci sono solo delle terapie di focalizzazione. Bisogna concentrarsi usando tecniche uditive che puntino al riconoscimento della voce. Poi bisogna concentrarsi su alcuni particolari del viso, come possono essere un neo, o una cicatrice. Non sempre è facile. Soprattutto se si tiene contro del lavoro che faccio. Ecco perché non esco quasi mai di casa: ogni giorno ci sono così tante persone da incontrare!”, ha quindi spiegato.

Next Post

In estate rivedremo la spiaggia ma con regole ben precise

Per la maggior parte degli italiani, in questo momento di grande crisi sanitaria ma soprattutto economica e sociale, c’è ben poco spazio per i progetti futuri, sia quelli a breve che a lungo termine. Certo la voglia di tornare alla vita “normale” è tanta, ma è tanta anche la paura […]
In estate rivedremo la spiaggia ma con regole ben precise