Colesterolo cattivo, troppo basso non è un bene

Quando si tratta di colesterolo “cattivo“, minore è il livello maggiore è la protezione per il rischio di malattie cardiache . Ma un nuovo studio suggerisce che potrebbe essere possibile che non sia così buono se i livelli di colesterolo sono troppo bassi.

I ricercatori hanno scoperto che bassi livelli di colesterolo “cattivo”, noto come colesterolo LDL , erano legati ad un aumentato rischio di ictus emorragico, che si verifica quando un vaso sanguigno irrompe nel cervello.

I risultati suggeriscono che, “come è vero per quasi tutto nell’ambito della nutrizione, la moderazione e l’equilibrio è fondamentale al momento di decidere il livello target ottimale di colesterolo LDL“, spiega l’autore senior dello studio il dottor Xiang Gao, professore associato di scienze nutrizionali alla Penn State, che ha detto in una dichiarazione . “Non bisogna però arrivare a nessuno dei due estremi: troppo alto o troppo basso.”

Gli autori hanno riferito che i risultati, pubblicati nella giornata del 2 luglio, sulla rivista Neurology , potrebbero aiutare a perfezionare ulteriormente le raccomandazioni per i livelli di colesterolo sani. Ad esempio, le persone che sono ad alto rischio di ictus emorragico, a causa di fattori di rischio come la loro storia familiare, potrebbero avere nuovi target da seguire per il colesterolo che non sono così rigorosi come sarebbe altrimenti raccomandato.

Tuttavia, i risultati dovranno essere confermati da ulteriori ricerche. Sebbene il nuovo studio fosse ampio, coinvolgendo circa 100.000 persone, tutti i partecipanti vivevano in una singola città in Cina, e non è chiaro quanto i risultati si applichino ad altre popolazioni..

Abbassare il colesterolo cattivo non è sempre positivo?

Il colesterolo è una sostanza cerosa che si trova nel corpo. Esistono diversi tipi di colesterolo, tra cui LDL (abbreviazione di lipoproteine ​​a bassa densità), che a volte viene chiamato colesterolo “cattivo“. Questo perché alti livelli di LDL possono portare all’accumulo di placca nelle arterie e aumentare il rischio di malattie cardiache e ictus ischemico , che si verifica quando un coagulo blocca il flusso di sangue a una parte del cervello.

Per gli adulti sani, il colesterolo LDL dovrebbe rimanere sotto i 100 milligrammi per decilitro (mg / dL), secondo il National Institutes of Health. Tuttavia, le recenti linee guida raccomandano che le persone che hanno un rischio molto elevato di problemi cardiaci dovrebbero mirare a ottenere il loro colesterolo LDL ancora più basso, al di sotto di 70 mg / dL.

Alcuni studi precedenti hanno trovato un collegamento tra bassi livelli di colesterolo LDL e un aumentato rischio di ictus emorragico. Tuttavia, la maggior parte di questi studi erano piccoli e misurati livelli di colesterolo in un singolo lasso di tempo, il che significa che non potevano prendere in considerazione le fluttuazioni dei livelli di colesterolo in un arco di tempo maggiore, hanno detto gli autori.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno analizzato le informazioni di circa 96.000 adulti nella città industriale di Tangshan, in Cina, che non avevano precedenti di ictus, infarto o cancro. I partecipanti hanno misurato i loro livelli di colesterolo all’inizio dello studio e di nuovo ogni anno per nove anni.

Durante il periodo di studio, ci sono stati 753 casi di ictus emorragico.

Le persone con livelli di colesterolo LDL inferiori a 70 mg / dL avevano il 65% in più di probabilità di avere un ictus emorragico durante il periodo di studio, rispetto a coloro che avevano livelli di LDL tra 70 e 99 mg / dL. E le persone con livelli di colesterolo LDL inferiori a 50 mg / dL avevano più del doppio delle probabilità di avere un ictus emorragico, rispetto a coloro che avevano livelli di LDL tra 70 e 99 mg / dL.

Tuttavia, è importante notare che il rischio complessivo di ictus emorragico era relativamente basso, si è verificato in meno dell’1% dei partecipanti.

Non si sa esattamente perché il basso livello di colesterolo LDL sia associato a un aumentato rischio di ictus emorragico. Ma il colesterolo stesso gioca un ruolo chiave nella formazione delle membrane cellulari, e potrebbe essere che livelli molto bassi di LDL portino alla fragilità dei globuli rossi, rendendoli più inclini alla rottura, ha detto Gao. Si ritiene inoltre che il colesterolo LDL sia coinvolto nel percorso che consente al sangue di coagularsi, quindi bassi livelli di LDL possono aumentare il rischio di sanguinamento.

Colesterolo e Ricerca futura

In termini di prevenzione della cardiopatia ischemica e dell’ictus – cioè, la malattia causata dalla limitazione del flusso sanguigno ai tessuti – il colesterolo “cattivo” più basso è migliore, ha detto Dana Hunnes, una dietista senior presso il Centro medico Ronald Reagan UCLA di Los Angeles che però non era coinvolta nello studio. Ma allo stesso tempo, i nuovi risultati suggeriscono che “i livelli di colesterolo LDL troppo bassi, in questo caso meno di 70 mg / dl, sono comunque dannosi” in questa particolare popolazione, aumentando il rischio di ictus emorragico.

Tuttavia, gli autori hanno riconosciuto che potrebbe essere difficile applicare questi risultati a persone di altri paesi che vivono in circostanze diverse, come conferma Hunnes.

Inoltre, lo studio non ha tenuto conto delle abitudini alimentari delle persone, che Hunnes vorrebbe considerare negli studi futuri.

fonte@LiveScience.com

You May Also Like

Epatite C e HIV, il farmaco unico contro i virus Made in Italy

E’ allo studio in Italia un farmaco contro infezioni virali come Epatite…

Un uovo al giorno contro le malattie cardiache

Come allontanare il rischio di malattie cardiache e tutti i rischi che…

Tumore al seno? Eliminato in 11 giorni: il mix di farmaci miracoloso

Arriva da Londra il mix di farmaci miracoloso che elimina il tumore al…