Iraq: Bombardamento aeroporto, un atto terroristico

redazione

Il presidente iracheno, Barham Salih, ha descritto l’attentato all’aeroporto internazionale di Erbil la scorsa notte come un “crimine terroristico condannato“.

Il presidente iracheno ha detto in un tweet sul suo account sul sito di social networking Twitter nella giornata di giovedì, che “i ripetuti bersagli di strutture nella città di Erbil, prima di esso, Baghdad e altre aree, sono condannati per crimini terroristici contro la sicurezza dei cittadini e ostacolando gli sforzi nazionali per proteggere la stabilità e la sovranità del paese“.

Iraq Bombardamento aeroporto un atto terroristico
foto@Flickr

Ha aggiunto che queste azioni “richiedono l’unificazione dei ranghi per sostenere i servizi di sicurezza nel far rispettare la legge, proteggere i cittadini e combattere i terroristi al di fuori della legge“.

Il portavoce del comandante in capo delle forze armate irachene, il maggiore generale Yahya Rasul, ha descritto il targeting dell’aeroporto di Erbil come una questione inaccettabile che dovrebbe essere confrontata con la forza della legge e la solidarietà del popolo iracheno.

Ha affermato in un comunicato stampa che “la sicurezza dell’Iraq è responsabilità del governo e delle forze di sicurezza irachene in tutte le loro formazioni” e che “questo tipo di atti terroristici che hanno luogo durante il mese benedetto del Ramadan mirano a destabilizzare la sicurezza“.

Ha aggiunto: “In un momento in cui i Figli dell’Iraq nelle nostre forze di sicurezza mostrano le immagini più meravigliose nella difesa di questo paese e nella lotta al terrorismo e alla criminalità in tutte le sue forme, alcuni stanno cercando di creare il caos e destabilizzare la sicurezza e la stabilità, il che è inaccettabile. e affronterà la forza della legge e la solidarietà del popolo iracheno“.

Next Post

Mosca minaccia ritorsioni dopo l'espulsione di diplomatici russi

Non è tardata ad arrivare la risposta di Mosca dopo l’espulsione di alcuni diplomatici russi dalla Repubblica Ceca. Il primo ministro ceco Andrej Babisch e il ministro degli Esteri Jan Hamachik hanno dichiarato che: Il governo ha deciso di espellere 18 dipendenti dell’ambasciata russa “perché sospettati di essere coinvolti nell’intelligence […]
Mosca minaccia ritorsioni dopo espulsione di diplomatici russi