La carenza di vitamina D espone al rischio cancro
La carenza di vitamina D espone al rischio cancro

La carenza di vitamina D può indicare un rischio maggiore per il cancro al seno

Un nuovo studio dimostra che le donne in post-menopausa sono legate ad un aumento del rischio di carenza di vitamina D al momento della diagnosi del cancro al seno, associato a un più alto tasso di obesità.

La vitamina D è nota per i suoi benefici nella struttura di ossa sane. Un nuovo studio supporta l’idea che possa anche ridurre il rischio di cancro e la mortalità per cancro al seno, specialmente nelle donne con un indice di massa corporea inferiore. I risultati degli studi sono pubblicati online su Menopause , la rivista della North American Menopause Society (NAMS).

Il cancro al seno rimane il cancro più comune nelle donne in tutto il mondo ed è la principale causa di morte per cancro nelle donne.

Fattori di rischio riproduttivo come l’inizio precoce della pubertà, la menopausa tardiva, l’età successiva alla prima gravidanza, la non gravidanza, l’obesità ed una storia familiare hanno tutti dimostrato di essere associati allo sviluppo del cancro al seno. Il ruolo della concentrazione di vitamina D nello sviluppo del cancro al seno, tuttavia, continua a essere oggetto di discussione.

Questo studio che coinvolge più di 600 donne suggerisce che la vitamina D può ridurre il rischio di cancro inibendo la proliferazione cellulare. I risultati dello studio appaiono nell’articolo titolato “Bassa concentrazione sierica di pretrattamento della vitamina D alla diagnosi del cancro al seno nelle donne in postmenopausa“.

I ricercatori coinvolti nello studio hanno concluso che le donne in post-menopausa avevano un aumentato rischio di carenza di vitamina D al momento della diagnosi di cancro al seno, associata a più alti tassi di obesità, rispetto alle donne della stessa fascia di età senza cancro.

Studi simili hanno anche dimostrato in precedenza una relazione tra la vitamina D e la mortalità per cancro al seno. Le donne con più alte concentrazioni di vitamina D, infatti, hanno avuto un tasso di morte del 50% più basso di cancro al seno rispetto a quelle con concentrazioni inferiori, suggerendo che i livelli di vitamina D dovrebbero essere ripristinati ad un livello normale in tutte le donne con cancro al seno.

Sebbene i testi pubblicati fino ad ora siano incoerenti sui benefici dei livelli di vitamina D e del cancro al seno, questo studio, supportato da altri, suggerisce che livelli più elevati di vitamina D nel corpo sono associati a un rischio di cancro al seno ridotto“, afferma il Dr. JoAnn Pinkerton, direttore esecutivo di NAMS . “La vitamina D può avere un ruolo nel controllare le cellule del cancro al seno o impedirle di crescere.La vitamina D deriva dall’esposizione diretta alla luce solare, da supplementi di vitamina D3 o da alimenti ricchi di vitamina D.

foto@Pixabay

I contenuti scritti da più autori contemporaneamente vengono pubblicati su Italiaglobale a firma della redazione.

You May Also Like

Baricitinib contro l’artrite reumatoide: arriva anche in Italia

Invade la cartilagine e provoca l’erosione e la graduale distruzione, l’artrite reumatoride…

Come dimagrire con la dieta delle patate

Come dimagrire con la dieta delle patate, strano a dirsi, ma si…

Un adulto su tre assume farmaci che portano alla depressione?

Un adulto su tre assume farmaci che avrebbero la depressione come potenziale…